Connettiti con noi

News

Fiorentina Juve: le tre cose che non hai notato

Pubblicato

su

Fiorentina Juve: le tre cose che non hai notato del match del Franchi. Gli episodi curiosi sfuggiti all’attenzione dei più

Fiorentina-Juve: le tre cose che non hai notato del match del Franchi, ultima uscita stagionale dei bianconeri.

1. Rete “bucata”: problema al Franchi

Rientrate sul terreno di gioco dopo l’intervallo, le squadre erano ormai pronte per riprendere i loro ultimi 45 minuti della stagione, ma il fischio d’inizio della ripresa ha subito un ritardo. Il motivo è dovuto alla rete di una delle due porte che, come testimoniato dalle immagini, era bucata in un suo punto. Il guardalinee ha pertanto avvertito il direttore di gara che ha prontamente mobilitato chi di dovere per riparare l’inconveniente per poter riprendere quanto prima il gioco.

2. Altro addio da brividi: è l’ora del Berna

Dopo Chiellini e Dybala nella giornata di lunedì, è arrivata anche l’ora di Bernardeschi. L’esterno bianconero ha detto ufficialmente addio alla Vecchia Signora dopo un avventura durata cinque anni. Al momento della sua sostituzione, i tifosi presenti nel settore ospiti hanno accompagnato la sua uscita dal campo con una lunga standing ovation. Raggiunta la panchina bianconera, Bernardeschi prima ha abbracciato Allegri e poi ha salutato tutti i suoi compagni di squadra. Un gesto di enorme riconoscenza per un ragazzo che si merita un grosso grazie da tutti.

3. Allegri avverte Vlahovic prima del cambio

Nel finale di partita, nell’intento di evitare un’altra sconfitta in campionato, Allegri decide di gettare nella mischia Dusan Vlahovic. Il pubblico di fede viola inizia a mormorare e dagli spalti si alzano i primi fischi all’indirizzo del serbo, prima della pioggia di insulti a cui sarà sommerso di lì a poco quando effettivamente entrerà in campo. Prima di fare il suo ingresso sul terreno di gioco, Vlahovic riceve il seguente consiglio da Allegri: «Stai sereno. Ora ti provocheranno, ma tu pensa solo a giocare» gli ha detto il tecnico bianconero. Vlahovic ha annuito e ha poi messo i piedi sul terreno di gioco del Franchi con la solita determinazione che lo contraddistingue.