Gattuso: «Juve più forte degli ultimi anni. Higuain? Si innervosisce troppo»

© foto www.imagephotoagency.it

Il tecnico rossonero parla in conferenza stampa alla vigilia del match contro la Juventus. Le parole di Rino Gattuso

Presentatosi in conferenza stampa alla vigilia di Milan-Juventus, Rino Gattuso ha presentato i temi più caldi del match. Ecco alcuni estratti delle sue parole.

JUVENTUS – «È la migliore Juventus degli ultimi 7 anni. Con il Barcellona è la squadra più forte d’Europa, danno la sensazione che non sudano nemmeno. E’ arrivato Cristiano Ronaldo che gli ha dato ancora più mentalità, oltre che tecnica e forza fisica. Noi, con  tutti i problemi che abbiamo, testa alta e ce la giochiamo sapendo che hanno qualcosa di più».

LA PARTITA – «Non ha un peso diverso alle altre partite, giochiamo contro una Juventus nettamente più forte di noi ma ci sono punti importanti in palio. Siamo incerottati ma abbiamo voglia di giocarla e di farla bene, con mentalità. Se saranno più forti di noi, gli faremo un applauso. Noi comunque daremo battaglia».

HIGUAIN – «L’ho visto poco perchè è rimasto qui ad allenarsi, gli consiglio di restare tranquillo perché è un grande campione ma si innervosisce spesso. Se la deve godere con tutte le componenti della squadra».

RINGHIO CONTRO CR7 – «Non avevo avuto tensioni con lui, è un grande calciatore e dovevi fargli sentire del duro. Adesso è un giocatore più maturo, ha dei muscoli incredibili, l’ho sempre rispettato anche quando facevo i falli».

BENATIA – «Mi piace Rugani, Chiellini, Bonucci, mi piacciono tutti i difensori della Juventus».

SU COME SI MARCA RONALDO «Noi abbiamo Kessie, che è più forte di me. Dobbiamo mettere un uomo su Bonucci, non su Cristiano Ronaldo o anche Cuadrado, che se parte va preso a uomo. Va fatta una grande prova a livello di collettivo, non possiamo mettere un giocatore a uomo su Ronaldo».

Articolo precedente
Albissola-Juventus U23, streaming LIVE e diretta TV: come vedere la partita
Prossimo articolo
Spalletti si prende il merito: «A Torino non lo dicono, ma Pjanic…»