Grosso, è addio alla Primavera: c’è la serie B per lui

fabio grosso
© foto www.imagephotoagency.it

Fabio Grosso è ormai arrivato a fine ciclo con la Juventus Primavera dopo l’eliminazione in semifinale contro la Fiorentina, ma continuerà ad allenare: accordo vicino col Bari – 12 giugno, ore 19.50

Fabio Grosso si avvicina a grandi passi al Bari. Salvo sorprese sarà la compagine barese il primo club a puntare, a livello di prima squadra, sul campione del mondo. L’allenatore della Juventus Primavera è pronto dunque a lasciare il comando delle giovanili bianconere per intraprendere una nuova avventura. Il tecnico ha chiesto alla sua prossima dirigenza 4 elementi che fanno parte della rosa della Juve Primavera: si tratta del terzino sinistro Rogerio, del difensore centrale Andersson, e dei centrocampisti offensivi Matheus Pereira e Luca Clemenza.

Grosso: è addio alla Primavera, c’è la serie B per lui – 12 giugno, ore 11.20

Quel rigore di Moise Kean che è costato l’eliminazione dalle Finale Eight Scudetto della Juventus rappresenta un punto di non ritorno. Non certo per il giocatore, che sui social si è poi ampiamente scusato, quanto per l’era Juventus Primavera targata Fabio Grosso. Si tratta di fine ciclo, come in tutte le cose. La Juve e Grosso sono cresciuti insieme e ora l’eroe della finale di Berlino è pronto a spiccare il salto come allenatore in una prima squadra.

C’è molto mercato attorno al suo nome. Si parlava di Pescara ed Empoli, neo-retrocesse in serie B e con l’intenzione di giocare un campionato da protagonista il prossima anno in cadetteria, ma nelle ultime ore spunta un altro club di B. Il Bari ha infatti bruciato le tappe e l’accordo sembra vicinissimo. Già nei prossimi giorni potrebbe esserci l’ufficialità.

Il mister sulla panchina bianconera ha conquistato il Torneo di Viareggio nel 2016 e dimostrato nell’arco di queste stagione di aver un’idea chiara di gioco fatto di tanto possesso e movimento. Il Bari ha molta ambizione e punta al ritorno in A. Insomma, sfida accettata.

Articolo precedente
pellegriniIl retroscena: offerti 16 milioni per Pellegrini. Roma ‘salva’ grazie a una scrittura privata
Prossimo articolo
keitaJuve, non solo Keita: dalla Lazio anche de Vrij