Guarino: «Una gara sofferta, sono 3 punti importantissimi»

guarino-juventus-women
© foto www.imagephotoagency.it

Rita Guarino commenta la vittoria della Juventus Women contro l’Empoli Ladies. Le bianconere hanno vinto per 4 a 3

(Mauro Munno inviato a Vinovo) – La Juventus Women soffre e vince 4 a 3 contro l’Empoli Ladies. Al termine del match, Rita Guarino ha parlato così della sfida.

LA GARA«Una gara sofferta fino all’ultimo contro un avversario che aveva meritato il pareggio, che ha lottato su ogni pallone con un buon gioco e mettendo in evidenza giocatrici di spessore. 3 punti importantissimi».

PREPARAZIONE«All’inizio stagione devi fare i conti con alcuni infortuni che condizionano l’assetto e l’identità di una squadra. Non puoi giocare insieme quindi quello può capitare, soprattutto dopo un lungo periodo di stop come mai è capitato nella storia. Bisogna anche fare i conti con il tempo in cui il calcio è stato sospeso. La squadra caratterialmente c’è, mi piace nell’atteggiamento. Il campionato si è alzato di livello, le squadre sono sempre più attrezzate e attente. Siamo a buon punto».

NUOVE GIOCATRICI«Lundorf si sta ambientando bene. Ha bisogno di tempo per trovare i giusti meccanismi, soprattutto in un reparto così delicato e importante».

GLIONNA E BELLUCCI «Le ho viste bene come ho visto bene il resto della squadra. Sono giocatrici che appartengono alla Nazionale, sono una certezza per il nostro campionato. Ho visto bene le nostre ma tutta la squadra».

CERNOIA«Rientrava da un infortunio, non potevamo sovraccaricarla di volume. È stata una scelta».

SCUDETTO«Sarà sempre più difficile. Gli scontri diretti saranno ancora più difficili, queste squadre ti mettono in grande difficoltà e riusciranno a strappare molti punti alle dirette concorrenti per il vertice. Bisognerà stare attenti e preparare al 100 per cento ogni partita. Tutti hanno voglia di far bene e guadagnarsi punti e l’Empoli lo ha dimostrato».

MERCATO«Attendiamo e vediamo».

GAMA «Valuteranno i medici in settimana. Speriamo non sia nulla di grave».

Condividi