Higuain e la famiglia tatuata sul braccio: «Insieme siamo invincibili»

Iscriviti
higuain
© foto www.imagephotoagency.it

Gonzalo Higuain spiega i tatuaggi sul braccio: “JFNNL” è una sigla che non è solo importante, ma «fondamentale». Ecco perchè

«La famiglia non è importante, è fondamentale». Detta così sembra quasi un riadattamento della massima bianconera per eccellenza “vincere non è importante, è l’unica cosa che conta“. A parlare è Gonzalo Higuain, che rivela la sua sfera più intima. Quella che di solito non si vede al grande pubblico. Non l’attaccante affamato di gol, non il Pipita. Qui è semplicemente Gonzalo.

Davanti alle telecamere di Netflix in un tranquillo prepartita di campionato l’argentino spiega il significato del tutto particolare dei tatuaggi che si porta sul braccio. Una sigla JFNNL in corsivo corre infatti lungo tutto l’avambraccio. Vi siete mai chiesti il perchè? Ecco le parole di Gonzalo all’interno della mini serie “First Team: Juventus“.

«Queste sono le iniziali della mia famiglia. J sta per Jorge, mio papà. Nancy è mia mamma, Nicolas è il mio procuratore, ma soprattutto il mio fratello più grande. Federico invece gioca in Mls, in Columbus, mentre Lautaro è il fratello più piccolo».

Poco più su, sul bicipite, c’è un’altra scritta. «Juntos somos invencibles», ovvero “insieme siamo invincibili”. «Quando siamo insieme – continua Higuain – in famiglia proviamo a non parlare di calcio. Mio padre giocò a calcio tanti anni fa (nel River Plate e in Francia) e noi siamo cresciuti completamente immersi in questo mondo».

«Mio papà è molto critico. Cerca sempre di correggermi, poi magari si ricorda che ho fatto anche due/tre gol (ride). Ma è anche grazie a lui che mi sono sempre migliorato». Il calcio ha invaso comunque completamente la famiglia Higuain. Assieme a Nicolas Gonzalo ha pure giocato qualche minuto insieme nelle giovanili del River Plate. Poi i destini si sono persi: uno va al Besiktas, l’altro a Real. Mentre Federico di ruolo fa sempre l’attaccante e segna anche tanto, ma negli Stati Uniti. Ma tutti quanti Higuain se li porta insieme sul braccio.

Condividi