Ibra, la sfuriata: «Ho 300 milioni e un’isola, vi ammazzo tutti»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Zlatan Ibrahimovic, ex attaccante della Juventus, protagonista di due aneddoti ai tempi della MLS, raccontati da Joao Pedro

Zlatan Ibrahimovic è così: prendere o lasciare. Il portoghese Joao Pedro, suo ex compagno di squadra, ha raccontato un aneddoto legato a una gara del 2018 tra i Los Angeles Galaxy e la Houston Dinamo ma anche un aneddoto più simpatico. Ecco le parole del portoghese a Record.

IL PRIMO ANEDDOTO – «Nel 2018 giocavamo contro gli Houston Dynamo. Perdemmo la partita: vincevamo 1-0, poi siamo andati sul 2-2 e infine sul 3-2 per gli avversari. Dopo la gara Ibra venne da noi e ci disse: ‘guardate che se siete venuti qui per andare in spiaggia o per andare a passeggiare a Hollywood, dovete dirmelo, ma dovete dirmelo adesso. Io ho 300 milioni in banca e possiedo un’isola, non ho bisogno di tutto questo. La prima persona che mi dice qualcosa, la ammazzo, la ammazzo sul serio’. Nessuno fiatò».

IL SECONDO ANEDDOTO – «Ma Ibra è simpatico. Un altro giorno invece stavamo per cominciare una partitella 11 contro 11 e qualcuno chiese ‘chi dà il calcio d’inizio?’ E il vice allenatore disse: ‘Joao Pedro perché oggi festeggia il compleanno’. Al che Ibra si girò e disse “il mio compleanno è tutti i giorni, quindi datemi il pallone” e scoppiò a ridere. Secondo voi chi ha battuto poi quel calcio d’inizio?».

Condividi