Inzaghi: «Contenti di aver sfatato il tabù Juve. Sullo scudetto…» – VIDEO

Iscriviti

Simone Inzaghi, allenatore della Lazio, ha parlato al termine del match dell’Olimpico tra i biancocelesti e la Juventus

Simone Inzaghi, allenatore della Lazio, ha parlato ai microfoni di DAZN al termine del match dell’Olimpico tra biancocelesti ed Juventus. Il tecnico piacentino ha commentato la prestazione dei suoi uomini.

MOMENTO – «Sono convinto di questa squadra. Siamo in un ottimo momento. Dobbiamo essere ambiziosi, guardare aventi pensando che il calcio è questo. Un mese fa i risultati non arrivavano ma io ero tranquillo e avevo la società vicina. Poi ho una squadra sempre disponibile. Non dobbiamo accontentarci e guardare avanti. Siamo contenti di aver sfatato questo tabù: un vittoria qui con la Juve mancava dal 2003, io me lo ricordo che ero in panchina. Siamo in un buon momento ma nel calcio i giudizi variano».

PARTITA – «Stasera abbiamo sofferto ma abbiamo giocato bene e creato tanto. Abbiamo avuto tante occasioni che avremmo potuto sfruttare. Faccio i complimenti ai ragazzi. Nel primo tempo abbiamo faticato, la Juve era stretta. Dovevamo essere più bravi a trovare le nostre punte. Ma poi i ragazzi sono stati bravissimi».

SCUDETTO – «Noi dobbiamo essere bravi, lavoriamo in un ambiente che ti può trascinare come stasera. Ma quando le cose non vanno bene… Oggi è stato un orgoglio vedere tutta questa gente. Noi dobbiamo guardare partita dopo partita sapendo che i giudizi cambiano».

CONCENTRAZIONE – «Ho una squadra concentrata, nei secondi tempi di solito si subisce di più. La Juve ha fatto grandi giocate, sono stati bravissimi in occasione del gol. Tanto di cappello a loro. Ma noi abbiamo ancora margine. Giovedì andiamo a Rennes a giocarci la nostra partita con ragazzi che in questo momento stanno giocando meno ma che si allenano sempre al massimo».

Ai microfoni di Sky Sport, il tecnico ha parlato così.

LA GARA «Dovevamo sfatare il tabù e battere l’unica squadra imbattuta in Europa. Ce l’abbiamo fatta, i ragazzi sono stati bravissimi sotto ogni aspetto. Secondo tempo? Siamo stati sempre in partita, con la Juventus ti puoi aspettare di prendere un gol del genere: hanno fatto un’azione tecnicamente perfetta. Dovevamo essere bravi a rimanere in partita, i ragazzi mi hanno ascoltato e hanno fatto un secondo tempo perfetto. Potevamo fare anche più gol».

ENTUSIASMO«Qui a Roma è un ambiente particolare. Lo stadio ci ha trascinato, sono sempre rimasti con noi. Noi dobbiamo rimanere tranquilli e sereni sapendo che nel calcio i giudizi cambiano in fretta. Qualcuno si dimentica che lo scorso anno la Lazio ha vinto la Coppa Italia nonostante sia arrivata ottava».

LUIS ALBERTO «Non lo avrei cambiato ma in settimana ha avuto un problema e sapevo che avrei dovuto toglierlo».

OBIETTIVO«Dobbiamo essere ambiziosi sapendo che dietro abbiamo squadra attrezzate e davanti abbiamo corazzate. Dobbiamo guardare avanti, goderci serate del genere, la settima vittoria di seguito e essere molto contenti, pur sapendo che dobbiamo avere equilibrio».

JUVE«Ci sono momenti in cui la squadra avversaria ti costringe ad essere guardinga. I ragazzi hanno capito i momenti della partita, quella era la cosa che avevo chiesto alla vigilia».

PAREGGIO E ESPULSIONE«Decisivo il pareggio. Prima dell’espulsione avevamo la partita in mano, avevamo rischiato poco. Con la Juventus non puoi sempre correre dietro ma anche costruito».

IMMOBILE«Abbiamo visto tutti Szczesny cosa ha fatto, se avessero dato il rigore netto che ha fatto Bonucci al limite su Immobile si sarebbe presentato di nuovo e avrebbe fatto gol».

Condividi