Clamoroso Juve: ecco il nome per il dopo Allegri

allegri
© foto Massimo Pinca

La dirigenza bianconera ha già in mente l’erede di Max per il futuro della Vecchia Signora. Ecco chi si sederà sulla panchina della Juve dopo Allegri

Il retroscena emerso nelle ultime ore ha davvero del clamoroso. La Juventus si starebbe iniziando a guardare intorno alla ricerca dell’erede di Massimiliano Allegri. Nonostante il tecnico toscano abbia un contratto, prolungato proprio quest’estate, che lo lega ai colori bianconeri sino al 2020, la dirigenza di Madama avrebbe già allertato un tecnico di Serie A. Stiamo parlando di Simone Inzaghi, attuale guida tecnica della Lazio. Secondo l’indiscrezione raccolta da La Repubblica, i vertici del mondo bianconero avrebbero espresso il proprio pieno apprezzamento nei confronti del tecnico 41enne. Inzaghi ha convinto tutti per bel gioco, giovane età, carisma e capacità di sapersi rapportare con i giocatori in maniera diretta ed efficace. La scelta sarebbe ricaduta su di lui immediatamente dopo la finale di Supercoppa. Tutto ancora da confermare e da verificare: ma il futuro della Juventus potrebbe coincidere con quello di Simone Inzaghi.

I MOTIVI DELLA SCELTA – Al di là degli aspetti legati al gioco, infatti, Inzaghi è un personaggio molto ammirato dalla dirigenza bianconera anche dal punto di vista umano. Il suo modo di comunicare, la sua capacità di creare empatia all’interno dello spogliatoio e l’abilità nel saper gestire alla perfezione casi spinosi come quello relativo a Keita dell’anno scorso sono solo alcuni degli aspetti che farebbero dell’attuale allenatore biancoceleste un allenatore da Juve. Poi ci sono i risultati e quelli da lui ottenuti con la Lazio sono molto positivi: quarto posto in Serie A con annessa qualificazione in Europa League, raggiungimento della finale di Coppa Italia e conquista della Supercoppa italiana. Un bilancio tutt’altro che indifferente per un un tecnico con un solo anno e tre mesi d’esperienza ed alla guida di una squadra che sembrava allo sbando poco più di un anno fa.

Condividi