Juve-Inter, Higuain e Icardi per quella maglia numero 9

higuain-icardi-2016
© foto www.imagephotoagency.it

158 gol in serie A in due, concorrenti anche per il posto nella nazionale argentina. Il ct Bauza “Higuain il titolare, ma…”

Se Juve-Inter si potesse riassumere in un numero il 9 ci starebbe bene. Ovvero il numero di Higuain-Icardi, i due argentini dai destini incrociati che sono in lotta per quella stessa maglia nella nazionale albiceleste. Anche se il ct Edgaurdo Bauza in una recente intervista ha messo le cose in chiaro: «Il nostro numero 9 è Higuain, se sta bene è lui il titolare», non chiudendo però del tutto la porta a Maurito Icardi, finora sempre ignorato dal selezionatore argentino. «Potrebbero esserci novità nelle prossime convocazioni. Seguo Icardi con attenzione e potrei chiamarlo in qualsiasi momento». Ai prossimi impegni contro Cile e Bolivia di fine marzo si vedrà.

Intanto i due insieme hanno raccolto un bottino record di 158 gol in serie A (86 il “Pipita” e 72 Icardi) e domenica sarà sfida aperta tra i due capocannonieri. Nel 2014/15 Maurito (a pari merito con Luca Toni) si laureò bomber con 22 reti stagionali, lo scorso anno Higuain raggiunse la mostruosa cifra di 36 gol in tutto il campionato. Ora, manco a dirlo sono di nuovo lì a sfidarsi nei vertici alti, entrambi al primo posto in classifica marcatori ed entrambi a quota 15 (assieme ad Edin Dzeko). Anche se Gonzalo è da sei partite consecutive che va a segno, mentre Maurito è a digiuno, si fa per dire, da due turni.

Proprio il passaggio di Higuain alla Juve sembrava potesse scatenare un effetto domino sullo stesso Icardi. Il capitano nerazzurro aveva ribadito che «chi segna 36 reti in un campionato solo vale assolutamente la cifra di 90 milioni» ed era finito al centro degli interessi del Napoli per sostituire il Pipita. Insomma gol a raffica, quel numero 9 dietro e quella maglia albiceleste da difendere e conquistare. Juve-Inter, secondo i loro bomber d’area argentini: il Pipita e Maurito.

Articolo precedente
ruganiJuventus e Inter, belle e rivali
Prossimo articolo
Quanta pazienza per una passione sportiva!