Juve, sette partite in tre settimane: che il tour de force abbia inizio

massimiliano allegri
© foto Massimo Pinca

Da oggi fino al 1 ottobre, la Juventus sarà impegnata in ben sette gare tra campionato e Champions League

Per una squadra abituata storicamente a doversi sottoporre al triplo impegno durante tutto l’arco della stagione (campionato, Champions e Coppa Italia), avere in programma una partita ogni tre giorni non dovrebbe creare allarmismi. In questi casi, infatti, la palla spetta al tecnico, il quale dev’essere in grado di gestire al meglio le forze dei suoi giocatori al fine di portare a casa, se possibile, il massimo risultato ogni qualvolta si scende in campo.

IL FILONE DI PARTITE – Allegri ha dimostrato in questi anni di saper dosare in maniera molto attenta le risorse dei suoi calciatori e di conseguenza terrà a riposo diversi big nella sfida di stasera contro il Chievo che, sulla carta, dovrebbe essere la più agevole tra le sette in questione. Tra tre giorni, infatti, i bianconeri saranno di scena al Camp Nou per affrontare il Barcellona nella sfida valida per il primo turno dei gironi di Champions, mentre domenica 17 saranno ospiti del Mapei Stadium e dovranno vedersela con il Sassuolo, con fischio d’inizio alle 12.30. Tra il 20 e il 27 settembre, invece, la squadra di Allegri sarà impegnata per tre volte di fila allo Stadium ma nessuno delle tre partite si prospetta agevole: prima i rivali storici della Fiorentina, poi sabato 23 alle ore 20.45 andrà in scena il derby contro i cugini del Toro ed infine mercoledì 27 i bianconeri ospiteranno l’Olympiacos nella seconda giornata di Champions. Chiuderà questo mini ciclo un’altra sfida delicata, ovvero la trasferta a Bergamo contro l’Atalanta di Gasperini.

Condividi