Juventus Women, l’agente Bernardo: «Stanno facendo bene a livello giovanile»

© foto www.imagephotoagency.it

Simone Bernardo, agente di varie giocatrici delle giovanili della Juventus Women, parla così del loro percorso in bianconero

L’agente Simone Bernardo, che ha come assistite varie giocatrici della Juventus Women Primavera, ha parlato del percorso delle giovani nella Viareggio Cup e non solo. Le sue parole a Tmw.

JUVENTUS WOMEN«La Juventus sta facendo benissimo non solo a livello di prima squadra, ma anche per quanto riguarda le giovanili e questo successo lo dimostra. Hanno un’ottima aria scouting e in questa competizione hanno schierato diverse ragazze del 2003 e del 2004, ben al di sotto dell’età media delle squadre».

SOGGIU, CAIAZZO E GIAI «Valentina ha giocato solo una gara, facendo comunque benissimo, ma era chiusa dalla più esperta Beretta. Anche per Caiazzo è stato un torneo positivo, ha fatto molto bene quando è stata chiamata in causa sia nella difesa a quattro che in quella a tre. In finale poi è stata quasi perfetta e non è scontato per una ragazza così giovane. Infine Alice veniva da un momento non troppo positivo, ma si è fatta trovare pronta quando come in semifinale è subentrata a una compagna e ha dato il proprio contributo».

PANZERI«Purtroppo si è infortunata gravemente al ginocchio e tornerà solo fra sette mesi in campo. Aveva diversi club interessati a lei, ma a questo punto ogni discorso è rimandato a quando tornerà in campo. Ora la priorità è il recupero perché tutti noi la vogliamo rivedere al più presto in campo».

PRUGNA«Si tratta di un ottimo mister, molto bravo nella gestione del gruppo. Questa squadra ha potenzialmente 16/17 titolari e non è facile di volta in volta mandare qualcuna in panchina tenendo alto il morale. Lui ci riesce come riesce a dare motivazioni a chi scende dalla prima squadra come Panzeri, Bellucci o Bragonzi. Ha tutto quello che serve per fare strada nel calcio femminile e per me è già pronto per una panchina in Serie A. Spero che presto possa avere l’opportunità che merita».

Condividi