Keita, ma quanto sei forte? La Juve ci proverà in estate

keita
© foto www.imagephotoagency.it

Lo spagnolo sta incantando i tifosi biancocelesti, ma difficilmente Lotito riuscirà a trattenerlo in estate: su di lui c’è anche il forte interesse del Milan

Dopo un inizio di stagione travagliato anche e soprattutto sotto il profilo disciplinare, Keita Baldè sta rispondendo alle critiche con prestazioni da fenomeno in questo finale di stagione. Basta pensare alle ultime due uscite della Lazio, dove lo spagnolo è andato in gol ben 5 volte e questi numeri potrebbero anche aver indotto la dirigenza del Barcellona (squadra in cui l’attaccante è cresciuto) a pensare di aver lasciato partire Keita un po’ troppo in anticipo.

LA SITUAZIONE – La permanenza a Roma sponda biancoceleste di Keita, tuttavia, è appesa ad un filo: il classe ’95, infatti, ha il contratto in scadenza nel 2018 e quindi in estate Lotito sarà costretto a cederlo a meno che non riesca a convincerlo a rinnovare, ma le parti sembrano attualmente molto distanti tra loro. Sulle tracce dello spagnolo c’è da tempo il Milan che l’ha individuato come rinforzo ideale per il tridente offensivo di Montella.

L’INTERESSE DELLA JUVE – Le 13 reti e i 4 assist stagionali, tuttavia, non hanno lasciato indifferente nemmeno la società della squadra Campione d’Italia. Al di là delle sue indiscutibili qualità tecniche, infatti, lo spagnolo potrebbe far comodo alla banda di Allegri per almeno altri due motivi: il primo consiste nella lungodegenza di Pjaca, il quale non sarà pronto neanche per l’inizio della prossima stagione, mentre il secondo riguarda la nuova disposizione tattica proposta dal tecnico juventino, in quanto il 4-2-3-1 potrebbe essere lo schieramento ideale per esaltare le caratteristiche di Keita nel ruolo di esterno offensivo. Non sarà facile, dunque, battere la concorrenza delle rivali, ma con ogni probabilità la Juve un tentativo in estate lo farà, anche perché il laziale è uno dei pochi giocatori che potrebbe alzare l’asticella qualitativa di una squadra già ora ai massimi livelli.

Articolo precedente
cuadradoVigilia di derby, Allegri ha in mente qualche cambio
Prossimo articolo
Juventus-Torino a Valeri: i precedenti sembrano sorridere ai bianconeri solo a metà