Connettiti con noi

Lavagna Tattica

LAVAGNA TATTICA – Atalanta Juve: come Morata e Rabiot devono incidere

Jacopo Azzolini

Pubblicato

su

juve morata rabiot

La Juve di Pirlo si gioca molto contro l’Atalanta. Ecco perché Rabiot e Morata devono fare la differenza

La Juve si gioca molto della qualificazione in Champions nel difficilissimo Gewiss Stadium. Come se non bastasse, Pirlo dovrà rinunciare all’infortunato Cristiano Ronaldo, con l’attacco che che sarà quindi formato da Morata-Dybala. Per quanto l’Atalanta sia passata alla difesa a 4, i princìpi di Gasperini sono sempre immutati: pressing asfissiante fortemente orientato sull’uomo, con duelli individuali a tutto campo. Per manomettere un sistema di questo tipo, il modo principale è quello di far girare rapidamente palla e smarcarsi tanto: bisogna portare fuori posizione i difensori per poi attaccare lo spazio che si viene a creare. Un qualcosa che la Juventus fece molto bene nel match di andata, in cui gli inserimenti di McKennie generarono grossi pericoli e occasioni.

Si chiederà quindi tanto lavoro sporco a Morata e Dybala. Il centravanti spagnolo dovrà un po’ replicare quanto visto contro la Lazio: anche in quel match, la Juve aveva giocato senza Cristiano Ronaldo. L’ex Atlético Madrid disputò una gara preziosissima, segnando due gol e confezionando l’assist per Rabiot. Morata aveva il compito di venire molto incontro, per attirare i difensori laziali su di sé: Rabiot e Ramsey dovevano poi attaccare lo spazio alle spalle. Proprio così è arrivato il gol del francese.

juve morata rabiot

Si vede nella slide sopra, con Rabiot che attacca bene lo spazio alle spalle di Hoedt.

Con McKennie che partirà dalla panchina, sarà quindi importante il contributo dei due mediani. Come fatto contro Napoli e Genoa, Rabiot e Bentancur dovranno muoversi molto senza palla, sganciandosi in avanti per attaccare gli spazi liberati dai compagni. McKennie sarebbe forse il giocatore più adatto per queste situazioni, ma sembra che partirà dalla panchina.

Insomma, è importante che la Juve sappia muoversi molto, senza la staticità vista nei mesi scorsi: è questo l’unico modo per mettere in difficoltà l’Atalanta.

Continua a leggere
Advertisement