Connettiti con noi

Lavagna Tattica

LAVAGNA TATTICA – Le chiavi di Juve Inter: ecco cosa deve evitare Pirlo

Pubblicato

su

Contro l’Inter la Juve si gioca molto. Ecco quali situazioni tattiche deve assolutamente evitare Pirlo

Un match decisivo

Nonostante lo scudetto già ottenuto, oggi Conte giocherà con la formazione al completo. L’Inter non ha alcuna intenzione di regalare la (comunque improbabile) qualificazione in Champions alla Juve. Anche da un punto di vista utilitaristico, visto che una Juventus fuori dalla principale competizione europea potrebbe ridimensionarsi molto a causa delle mancate entrate. Di conseguenza, potrebbe essere meno competitiva l’anno prossimo e costretta a cedere giocatori importanti.

Il match del Mapei Stadium è stato un match che ha mostrato bene le caratteristiche della Juventus attuale. Quando i bianconeri hanno provato, a inizio match, a pressare in avanti, il Sassuolo ha incontrato praterie per attaccare in campo aperto. La Juve era lunga e disordinata, con Bonucci soprattutto che faticava ad accorciare in avanti su Raspadori. Insomma, nonostante i proclami di inizio stagione di Pirlo, in cui la volontà era quella di applicare un pressing alto, i bianconeri sono in profonda difficoltà quando provano ad aggredire in avanti gli avversari. Considerando che l’Inter è la squadra forse più organizzata d’Italia nel palleggiare dal basso, il rischio è quello di concedere numerosi spazi in campo aperto ai velocisti nerazzurri. Situazioni dove i neo campioni d’Italia possono andare a nozze alla luce della disorganizzazione bianconera.

Molte di queste situazioni.

Cosa deve evitare Pirlo

Nonostante la necessità della vittoria, la Juve dovrà essere brava a non allungarsi troppo: né nelle situazioni di pressin, né nelle transizioni difensive. Come abbiamo scritto molte volte, la Juve è estremamente prevedibile e poco pericolosa quando attacca una difesa schierata, cosa che avevamo visto con chiarezza anche nel match di andata, dove i nerazzurri avevano rischiato poco o nulla. I bianconeri si limitano ad allargare il gioco in fascia nella speranza che Cuadrado inventi la giocata decisiva. Oltre a non creare molto, i bianconeri incontrano poi difficoltà quando perdono palla: non riescono ad essere efficaci nella riaggressione, con i rivali che incontrano numerosi spazi in campo aperto.

Proprio per questo, oggi sarà vitale sia il ruolo dei difensori che quello di Bentancur. Chiellini e De Ligt dovranno essere efficaci nei duelli contro Lukaku e Lautaro quando l’Inter si appoggerà alla punte, mentre Bentancur dovrà coprire bene quegli spazi tra le linee che troppe volte la Juve ha sofferto.