Lokomotiv Mosca Juve Primavera: sfida già decisiva per il cammino in Youth League

zauli-juve-primavera
© foto www.imagephotoagency.it

Lokomotiv Mosca Juve Primavera: sfida già decisiva per il cammino in Youth League 2019/2020 delle due formazioni

Un crocevia fondamentale per delineare gli equilibri del girone D. Premesse destinate ad essere mantenute, quest’oggi alle 13, nello scontro diretto tra Lokomotiv Mosca e Juve Primavera. Quarta giornata di Youth League, prima sfida di ritorno, già decisiva per mettere un altro ‘mattoncino’ importante in vista del pass per gli ottavi di finale. Il primo round tra le due squadre è stato conquistato dall’undici russo, capace di imporsi con un prezioso 2-1 all’Ale&Ricky di Vinovo. Un risultato, griffato Petro-Pethukov (prima del gol illusione di Gozzi), che ha ridefinito lo scenario del girone. Ai blocchi di partenza, dunque, in vista del girone di ritorno, appare tutto in perfetto equilibrio.

Lokomotiv Mosca Juve Primavera: come arrivano le due squadre

Il colpo esterno dell’undici di Mishaktin ha riaperto la corsa per la qualificazione alla fase ad eliminazione diretta. La formazione russa ha iniziato a rilento il suo percorso nella competizione europea, pareggiando la sfida d’esordio con il Bayer Leverkusen (2-2) e rimediando un ko interno con l’Atletico Madrid (2-3). A riaccendere le speranze per la Lokomotiv è stata proprio la vittoria contro la Juve: sono quattro, adesso, i punti in classifica, a sole due lunghezze di distanza dai bianconeri e dall’Atleti capoliste.

Di umore opposto la squadra di Lamberto Zauli, che ha interrotto la striscia positiva di due vittorie nelle prime due giornate con la sconfitta casalinga contro la compagine moscovita. Poker con l’Atletico Madrid (0-4), poker con il Bayer Leverkusen (4-1), e doppio sorriso europeo a incanalare subito la marcia in binari favorevoli. L’1-2 dell’ultimo turno, però, ha sciupato un’occasione ghiotta per la squadra bianconera. «Avevamo un match point, con la terza vittoria che ci avrebbe permesso di guardare al futuro con più serenità. Adesso giocheremo le tre gare che restano fino in fondo, siamo ancora primi e ce la giocheremo». Così aveva sentenziato Zauli dopo il match d’andata, sottolineando l’importanza nell’approccio delle prossime partite. Fase decisiva, dunque, per il cammino europeo pronta a cominciare…