Marchisio, accoglienza giocosa allo Zenit. Schiaffo del soldato per il Principino – VIDEO

© foto www.imagephotoagency.it

Claudio Marchisio ha deciso di emigrare in Russia allo Zenit San Pietroburgo. Il Principino ha subito un’accoglienza particolare

Claudio Marchisio ha scelto di vivere una nuova esperienza. Dopo la risoluzione del contratto con la Juventus il Principino ha deciso di emigrare dall’Italia, scegliendo la Russia. L’ex centrocampista bianconero sarà infatti un nuovo giocatore dello Zenit San Pietroburgo. D’altronde, lo stesso Marchisio lo aveva promesso: «Se mai dovessi lasciare la Juventus non andrei mai in un altro club italiano». Detto fatto, e il Principino ha deciso di sposare un progetto importante e una nuova vita per sé e la propria famiglia.

Domenica scorsa l’ex Juve è stato presentato dalla squadra russa davanti a 40.000 persone in occasione di un’amichevole. E in settimana ha iniziato gli allenamenti. Come in ogni squadra, anche lo Zenit San Pietroburgo ha un proprio rito d’iniziazione per i suoi nuovi acquisti. E a questo gioco non è potuto sfuggire nemmeno il nuovo numero 10. A differenza dell’Italia, però, niente canti a squarciagola e balletti. In Russia si usano le mani. Scherzosamente, ovvio, ma si usano le mani. E così Claudio è dovuto passare attraverso lo “schiaffo del soldato”: Marchisio è dovuto in pratica passare in mezzo a due file formate dagli altri compagni, e ha dovuto subire schiaffi e calci fino alla fine della via.

Articolo precedente
Rassegna Bianconera di sabato 15 settembre 2018
Prossimo articolo
emre canEmre Can, il nuovo motorino di Allegri che ora vuole prendersi la Juventus