Connettiti con noi

News

Mercato Juve: il parametro zero torna di moda? I tre nomi di Cherubini

Pubblicato

su

La Juve sonda sul mercato possibili colpi a parametro zero. Tre sono i nomi che fanno gola per “dimenticare” gli ultimi affari

Il mercato in casa Juve è sempre un tema di grande attualità, specialmente in questi giorni. Dopo l’annuncio del mancato rinnovo di Dybala, infatti, è partito il toto nome per il sostituto della Joya argentina. Zaniolo e Raspadori sono i principali obiettivi in Serie A, mentre all’estero piace Salah.

La Juve, però, è attiva anche per cercare altri giocatori in grado di migliorare e completare la rosa. in ogni reparto. Anche a parametro zero. Il caso Dybala, infatti, non è unico nel suo genere in Europa. Tanti club sono alle prese con difficoltà di varia natura nel rinnovare i contratti dei propri calciatori. E alcuni fanno gola ai bianconeri.

Uno di questi è Rudiger: il difensore del Chelsea vorrebbe rinnovare, ma i Blues al momento sono bloccati e il tedesco ha aperto le porte ad un ritorno in Serie A. Alla Juve? Chissà. Poi c’è Pogba: il francese ha fatto capire di non trovarsi più bene al Manchester United e i bianconeri da tempo sognano il suo ritorno a Torino. Un altro giocatore che piace gola è Dembélé: l’esterno del Barcellona nelle ultime settimane ha riconquistato fiducia grazie alla cura Xavi, ma i blaugrana hanno problemi finanziari importanti e potrebbero sacrificarlo. Sullo sfondo ci sono altri nomi che potrebbero interessare a Cherubini come Romagnoli, Tolisso, Di Maria e Lacazette.

La storia dei colpi a parametro zero della Juve è ricca di autentiche perle che hanno permesso alla Vecchia Signora di trionfare per anni in Italia e fare grandi cose in Champions League: da Pirlo allo stesso Pogba, passando per Dani Alves, Khedira, Can e Llorente. Gli ultimi due colpi sono stati Ramsey e Rabiot che però hanno deluso le aspettative. Forse è proprio questo il motivo per cui la società bianconera intende fare tutte le valutazioni del caso prima di avanzare una proposta. Anche perché spesso i possibili affari a parametro zero nascondono costi importanti tra ingaggi ai giocatori e commissioni agli agenti.