Canini ritrova la Juve: «Occhio a Lanini. Ho mandato un sms a Chiellini» – ESCLUSIVA

canini-iaquinta
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex difensore di Cagliari, Genoa, Atalanta e Chievo ritrova la Juve contro, in Serie C: Michele Canini in esclusiva su Juventus News 24

Lui, la Juventus, l’ha incrociata davvero tante volte. Con le maglie di Cagliari, Genoa, Atalanta e Chievo. E il suo nome non si può certo accostare ai colori bianconeri solo per quella sfortunata autorete messa a segno il 6 maggio 2012 in Cagliari-Juventus. Michele Canini ritrova la Vecchia Signora contro, diversi anni dopo, da giocatore della Pergolettese, prossima avversaria dell’Under 23. Il difensore classe 1985 ha parlato in esclusiva per Juventus News 24.

Ritrovi la Juve lungo la tua strada, è sempre la stessa emozione?
«In passato era un altro tipo di Juve. Si andavano a incontrare campioni di livello mondiale, era un grande stimolo. Sapevamo le difficoltà. Adesso è una Juve diversa, trattandosi dell’Under 23. Ma bisogna fare i conti con lo stesso spirito di non mollare mai. Sarà una partita con le sue difficoltà».

Ecco, entriamo subito nel merito: Juventus U23-Pergolettese che partita sarà?
«Andremo a incontrare una squadra forte che ha voglia di giocare a calcio. Non sarà facile, dovremo fare la migliore partita per stappare qualche punto. Noi siamo in un momento difficile, ma stiamo mettendo il massimo dell’impegno e sono convinto che usciremo presto da questa situazione».

Non ci saranno Han e Olivieri, convocati Sarri. Lo ritieni un segnale importante nella logica del progetto Seconde Squadre?
«Io sono favorevole alle Seconde Squadre. Dai possibilità ai giovani di conoscere un campionato difficile come quello di Serie C e farsi trovare pronti alla chiamata della Prima Squadra, proprio come è successo in questa circostanza. Il lavoro che ha cominciato la scorsa stagione la Juventus sulla Seconda Squadra darà i suoi frutti. Spero altre squadre seguano l’esempio e facciano la stessa cosa molto presto».

C’è qualche raccomandazione utile ai tuoi compagni per la sfida con la Juve? 
«Stiamo provando qualcosa in allenamento. Proveremo qualcosa di specifico, l’importante è recuperare dalle ultime uscite e stare sereni. Qualche consiglio lo do sempre volentieri. Siamo anche in una settimana dispendiosa, trovare avere la giusta calma per esprimerci al meglio».

Chi è l’avversario che temete maggiormente?
«La qualità di Lanini, dovremo tenerlo sott’cchio. Poi, la Juventus Under 23, ha qualità in tutti i reparti, quindi dovremo stare attenti. Va riconosciuto il valore di tutta la squadra».

Diamo un sguardo alla classifica. E’ davvero un campionato scontato con il Monza schiacciasassi e le altre a giocare per il secondo posto?
«Sappiamo la forza del Monza. Però ci sono tante squadre che stanno facendo bene, come il Renate. Vedremo lo scontro diretto. Nulla di scontato in questa categoria, basta un attimo per trovarsi gli avversari sotto alle calcagna. Fin quando non ci sarà la matematica, il campionato resterà aperto. Pur conoscendo la forza del Monza».

Chiudiamo con un salto nel passato. Sei stato anche compagno in Nazionale Under 20 di Giorgio Chiellini, che persona era lontano dalle telecamere. Qualche aneddoto?
«Giorgio era ed è un ragazzo genuino, una bravissima persona. Peccato per l’infortunio che lo ha fermato a inizio stagione, ci sono passato e so cosa vuol dire. Gli ho subito mandato un messaggio per un pronto rientro, quando è successo. C’era una bel rapporto. Lui dava tutto, non si sottraeva mai nel dare consigli, quasi da persona già matura. Già da giovane era sul pezzo, sono passati tanti anni ma ricordo un ragazzo che stava allo scherzo, alla mano. E anche adesso è così».

Si ringrazia per la disponibilità e l’intervista concessa Michele Canini e la società U.S. Pergolettese 1932.