Ministero Salute Portogallo: «Ronaldo trattato come tutti gli altri giocatori»

© foto www.imagephotoagency.it

Graça Freitas, direttrice generale del Ministero della Salute portoghese: «Ronaldo è stato trattato come qualsiasi altro giocatore. Procedura obbligatoria Unione Europea»

La direttrice generale del Ministero della Salute portoghese, Graça Freitas, ha parlato sul rientro di Cristiano Ronaldo a Torino e sui casi degli altri portoghesi risultati positivi. Lo riporta A Bola:

«Ronaldo è stato trattato come qualsiasi altro giocatore. Tutti i e tre i portoghesi positivi sono tornati nel loro paese di residenza: Cristiano in Italia, Anthony Lopes e José Fonte in Francia. Si tratta di una procedura obbligatoria dell’Unione Europea che vale per tutti i cittadini che si trovano in Portogallo ma hanno la residenza altrove, così come vale per i portoghesi all’estero. Il trasporto in condizioni di sicurezza avviene sotto la responsabilità e a carico del malato, dopo aver firmato una dichiarazione in cui s’impegna a proseguire l’isolamento a casa sua, e dopo valutazione delle autorità sanitarie. Una volta arrivato in Italia entra sotto la giurisdizione delle autorità sanitarie locali».

LEGGI ANCHE: Cristiano Ronaldo, messaggio speciale: lo ha scritto CR7 ai compagni – FOTO

Condividi