Il Napoli vince il lodo arbitrale: Higuain continuerà a farlo sul campo..

Aurelio De Laurentiis, Napoli e Roma Antimafia
© foto www.imagephotoagency.it

La rivendicazione di alcuni mancati pagamenti ricevuti non è andata a buon fine ed il Pipita dovrà anche pagare le spese processuali

Quella di ieri, non è stata una giornata memorabile per Gonzalo Higuain. Il Pipita, infatti, dopo aver portato in tribunale il suo ex presidente ai tempi del Napoli De Laurentiis, reo di non avergli versato alcuni pagamenti relativi ai diritti d’immagine del giocatore, non ha solo ha perso la sentenza ma sarà appunto costretto anche ad addebitarsi le spese processuali.

IL DISPETTO DI DE LA – Una piccola ricompensa per Aurelio De Laurentiis il quale, dopo aver ceduto il giocatore alla Juventus la scorsa estate ed essersi fatto sfuggire per l’ennesima volta la possibilità di vincere il tricolore proprio per mano dei bianconeri, avrà d’ora in avanti un fardello in meno sulle spalle. Così come spiega il Napoli in una nota ufficiale, infatti, «questa mattina è stato notificato al proprio difensore di fiducia, avvocato Mattia Grassani, il lodo arbitrale relativo alla controversia instaurata l’8 marzo 2017 dal Signor Gonzalo Gerardo Higuain. Attraverso tale iniziativa il calciatore aveva dapprima richiesto la condanna della società al pagamento di 681.000 euro, poi diventati oltre 2.570.000 euro nel corso del giudizio, e, in subordine, al risarcimento del danno per violazione del principio di buona fede. Il Collegio Arbitrale, composto dall’avvocato Massimo Farina, presidente, dall’avvocato Salvatore Civale, nominato dal calciatore, e dall’avvocato Bruno Piacci, nominato dalla S.S.C. Napoli, ha respinto e dichiarato inammissibili per quanto di ragione tutte le domande avanzate dall’ex tesserato del Club, condannandolo, inoltre, al pagamento integrale delle spese di funzionamento del Collegio Arbitrale, quantificate in oltre 50.000 euro».

Questo sottostante, invece, è il tweet postato sulla pagina ufficiale della società in merito alla vicenda.