Connettiti con noi

News

Nuova serie Juventus: All or Nothing racconta tutti i retroscena

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Nuova serie Juventus: All or Nothing racconta tutti i retroscena. Tutto quello che c’è da sapere sul prodotto Amazon

All or Nothing, la docu-serie di Amazon che racconta la Juventus

C’era molta attesa intono alla nuova uscita targata Amazon, specialmente per chi è tifoso della Juventus. Sì, perché il 25 novembre è finalmente uscito online la nuova docu-serie che racconta la Juventus 2020/21: All or Nothing. Questa racconta la stagione bianconera, dall’ingaggio di Andrea Pirlo fino alla corsa al quarto posto per uno slot in Champions League. Le telecamere di Amazon hanno raccontato ogni dettaglio di quell’anno, entrando all’interno degli spogliatoi, posto sempre segreto e inaccessibile. Un dietro le quine con un punto di vista inedito e sorprendete, visto che la Juventus ci tiene alla privacy. “All’inizio è stato inusuale e inaspettato, poi ci abbiamo fatto l’abitudine. È stato solo un breve periodo in cui c’era qualcosa che stonava, poi le telecamere hanno iniziato a far parte dell’arredamento di questo luogo sacro che è lo spogliatoio e le persone sono state elementi importanti del gruppo che ci ha accompagnato durante tutta la stagione. Magari qualcuno all’inizio ha fatto fatica a essere più naturale possibile, poi quello che è stato girato è diventato tutto vero e reale”, ha ammesso Leonardo Bonucci un un’intervista a GQ. 

La scorsa stagione bianconera è forse stata la più difficile dopo 10 anni di successi e dominio in Italia. Nessuno pensava che la compagine torinese potesse avere un calo così drastico, nemmeno nei miglior casino, nonostante l’ingaggio di un allenatore inesperto come Andrea Pirlo.

All’interno della docu-serie si parla proprio della scelta societaria di puntare sull’inesperienza dell’ex campione del mondo e regista bianconero. Qui possiamo assistere alla reazione dei giocatori.

BUFFON: “Ad Andrea mi lega un rapporto di fratellanza, un suo fallimento diventerebbe anche un fallimento personale. Finimmo una stagione senza sconfitte, la ricordo con piacere: era un gruppo di scalmanati ma con un forte legame, con un valore imprescindibile per arrivare a grandi risultati”.

RONALDO: “Ero felice ma anche sorpreso, ma fu così anche al Real Madrid con Zinedine Zidane. Lui è stato negli spogliatoi e conosce il nostro modo di pensare”.

CHIELLINI: “Non mi aspettavo che arrivasse così presto ad allenare la Juventus, Andrea ha iniziato il ciclo vincente della Juventus”. 

BONUCCI: “Quando hai vissuto tanto tempo col mister come compagno, vederlo come allenatore è stato emozionante”.

Agnelli: “Un anno di m**** con Sarri”

Andrea Agnelli, presidente della Juventus, è tra i protagonisti della serie All or Nothing. Tra le prime battute del numero uno bianconero, ce n’è una contro la gestione Sarri, precedente a quella Pirlo, raccontata nel documentario: “Sono 10 anni che sono presidente della Juve. Se guardo l’anno scorso, al di là dei risultati sportivi – ve lo dico dal cuore -, è stato un anno di m***a. Qualcuno anche qui dentro non ha dato tutto quello che doveva. Se penso a tutti gli sforzi che hanno fatto le donne e gli uomini della Juventus. Noi siamo 800, si va in campo in 800, si vince e si perde in 800. Siamo un gruppo che deve andare unito sempre nella stessa direzione. Abbiamo fatto una scelta in cui credo tantissimo che è quella di Pirlo, ora sta nel gruppo seguirlo sempre e comunque quotidianamente. Sarà un anno difficile, io torno con l’entusiasmo di una volta. Chiunque cercherà di toccare anche uno solo di voi, prima passerà sul mio corpo. Al resto pensateci voi”.

Poi sappiamo tutti com’è andata a finire