Pagelle Atletico Juve: Pjanic ragionatore, Chiellini l’orgoglio non basta VOTI

Giorgio Chiellini
© foto www.imagephotoagency.it

I voti e i giudizi ai protagonisti del match valido per l’andata degli ottavi di Champions: pagelle Atletico Juve

Le pagelle dei protagonisti del match tra Atletico e Juventus, valido per la gara di andata degli ottavi di Champions League. LA CRONACA DEL MATCH

Szczesny 6 – Risponde presente alla chiamata di Thomas al quarto d’ora. Sempre sul pezzo quando chiamato in causa. Sui gol può fare poco.

De Sciglio 5 – Qualche chiusura determinante. Un pizzico in ritardo su Diego Costa, contatto fuori area e neanche così nitido. Dopo l’errore, però, la sua prova subisce una flessione.

Bonucci 5.5 – Inizio di gara non perfetto, dopo dieci minuti mette i brividi a Oblak con un colpo di testa su calcio d’angolo. Da quel momento raddrizza la sua prova, anche se nella ripresa viene travolto insieme al reparto dall’aggressività degli uomini di Simeone.

Chiellini 5.5 – Semplicemente il capitano che ogni squadra vorrebbe avere. Tiene botta fino a quando può. Netto il fallo di Morata su di lui in occasione della rete annullata.

Alex Sandro 5 – Qualche errore di troppo, anche se prova sempre a rimediare in qualche modo. Il giallo arriva nella ripresa: era diffidato, salterà la gara di ritorno.

Bentancur 5.5 – Nel primo tempo ordinato tatticamente, sembra a suo agio dentro la bolgia del Wanda Metropolitano. Fatica a trovare le misure nel secondo tempo.

Pjanic 6 – Non al meglio, tiene botta e fa ragionare la squadra in fase di possesso. Cala nella ripresa e quando esce dal campo la squadra ne risente. Dal 72′ Emre Can 5.5 – Corre tanto ma non riesce a dare un’impronta positiva alla sua prestazione.

Matuidi 5.5 – Rischia in avvio con un’entrata in area su Griezmann. Riesce sempre a dare equilibrio in mediana nella prima frazione, meno concreto nella ripresa. Dal 84′ Cancelo SV

Dybala 5.5 – A tutto campo, proprio come lo desidera Allegri. Cala però sul lungo andare. Dal 80′ Bernardeschi SV

Ronaldo 5.5 – Oblak gli respinge la punizione. La difesa dell’Atletico lo controlla a vista e lui non riesce a rendergli brutta la serata.

Mandzukic 5 – C’è sempre lui quando c’è da lottare sulle palle alte, in entrambe le aree. Per il resto si vede poco e niente.