Pagelle Juve Sampdoria: Dybala e Ronaldo di un altro pianeta VOTI

© foto www.imagephotoagency.it

I voti e i giudizi dei protagonisti del match valido per la diciannovesima giornata di Serie A: pagelle Juve Sampdoria

Le pagelle dei protagonisti del match tra Juve e Sampdoria, valido per la diciannovesima giornata di Serie A. LA CRONACA DEL MATCH

Perin 6 – Szczesny si ferma per precauzione durante il riscaldamento, per lui la possibilità di giocare da protagonista un derby personale dopo aver difesa la porta del Genoa per diversi anni. Sul rigore di Quagliarella riesce a far poco, tra i pali si mostra sicuro e non commette alcuna sbavatura.

De Sciglio 6 – Appare leggermente stanco e meno brillante delle puntate precedenti, ma non commette grosse sbavature.

Rugani 6.5 – Attento in marcature e brillante in uscita, ricambia la fiducia di Allegri con una buona prestazione.

Chiellini 7 – Un leone in difesa e quando se ne va in avanscoperta, accendendo l’entusiasmo dei tifosi che sostengono il coro il loro capitano.

Alex Sandro 6.5 – Si spende tanto in chiusura, bene quando porta la palla avanti.

Emre Can 5.5 – Salta con il braccio largo e procura il rigore contro alla mezz’ora. Si gestisce nella ripresa.

Pjanic 6.5 – Pare rivitalizzato dopo il turno di riposo concesso da Allegri. Gira palla con diligenza e propone giocate interessanti.

Matuidi 6.5 – Corre tanto, mette il fisico nelle chiusure preventive e va a pressare alto. A inizio ripresa una fucilata di sinistro disinnescata da Audero. Dal 82′ Douglas Costa SV

Dybala 7 – Disegna una parabola perfetta per Cristiano in occasione della rete, prova a replicare in molte altre occasioni e sfiora la rete in un paio di occasioni.

Ronaldo 7.5 – Neanche il tempo di far rendere conto agli avversari di giocare contro un extraterrestre che trova lo spazio e il tempo per fare gol e mettere il match in discesa. Nel secondo tempo becca in pieno la traversa e non perdona dal dischetto.

Mandzukic 6 – Sempre presente sulle seconde palle, dentro l’area è un potenziale pericolo costante per la difesa blucerchiata. Dal 69′ Bernardeschi 6 – Dà una mano in fase offensiva, senza trascurare il lavoro in copertura.