Pagelle Juventus Women Atalanta Mozzanica: Girelli sbaglia, Salvai sfortunata. I voti

© foto Db Novara 12/09/2018 - Champions League Femminile / Juventus-Brondby / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: Cristiana Girelli

I voti delle protagoniste del match valido per la quinta giornata di Serie A Femminile: pagelle Juventus Women e Atalanta Mozzanica

I voti delle protagoniste del match tra Juventus Women e Atalanta Mozzanica. LA SINTESI DEL MATCH

Giuliani 6 – Legge male la traiettoria sulla punizione di Stracchi e viene tradita da qualche deviazione di troppo. Si riscatta con una gran parata su Scarpellini prima dell’intervallo.

Sikora 6 – Si propone costantemente sulla destra anche se a volte fa confusione. Dal 71′ Ekroth 6 – Si colloca al centro della difesa in coppia con Salvai e libera Hyyrynen sulla fascia nel finale di gara.

Hyyrynen 6.5 – Pulita nel ruolo di centrale difensivo, riesce a sostituire degnamente capitan Sara Gama.

Salvai 6 – Sente la responsabilità della fascia da capitano e gioca una gara di personalità. Sfortunata in avvio sugli sviluppi della punizione di Stracchi.

Boattin 6.5 – Dal suo lato non si passa e quando può cerca di ripartire in velocità.

Cernoia 6 – Amministra la palla sapientemente e prova a far male negli inserimenti. Dal 46′ Glionna 6.5 – Riesce a dare ampiezza alla manovra, prima a destra e poi a sinistra.

Galli 6.5 – Partita di sostanza in mezzo al campo, difficilmente perde un duello. Assist sulla rete di Aluko.

Caruso 6.5 – Corre e non tira mai indietro il piede, cresce partita dopo partita.

Aluko 6.5 – Come a Roma, è lei a prendere in braccia la squadra dopo lo svantaggio e alza l’asticella generale aggiungendo qualità in avanti. Questa volta però non basta per conquistare i tre punti.

Girelli 5.5 – Secondo errore consecutivo dal dischetto, allo stesso minuto. Poi però è brava a non uscire dalla partita e a creare altre occasioni.

Bonansea 5.5 – Un pizzico di leziosità di troppo in alcune giocate, specie quando prova la conclusione da posizione defilata piuttosto che servire le compagne in mezzo. Meglio sul finale.