Connettiti con noi

News

Pagelle Torino-Juve: Bernardeschi ira di Dio! Douglas Costa in panne, bene Asamoah

Pubblicato

su

Pagelle Torino-Juve: Bernardeschi entra e spacca la partita. Bene anche Asamoah e De Sciglio, male Douglas Costa. In calo pure Pjanic

SZCZESNY 6 – Giornata di freddo, che prova a scaldare sbagliando l’unica uscita alta del secondo tempo.

DE SCIGLIO 6.5 – Ennesima prestazione in linea con le ultime. Qualità, attenzione ai dettagli e scrupolo su ogni pallone. A Milano c’è chi lo rimpiange ogni giorno.

RUGANI 6 – Belotti non gli dà troppi pensieri, ma quando viene sollecitato se la cava sempre bene. Male col pallone fra i piedi: maturità ancora troppo lontana.

CHIELLINI 6 – Nella prima frazione regala un pallone sanguinoso ad Obi, che il Toro per sua fortuna non sfrutta. Poi torna il solito Chiello, l’uomo a cui Allegri non rinuncia nemmeno sotto tortura.

ASAMOAH 6.5 – Si capisce perché Allegri, al ghanese, se può lo mette sempre dentro. Fa sentire il fisico prima a Iago, poi a Belotti. Da sinistra non si passa.

KHEDIRA 6 – Gioca una decina di metri più avanzato rispetto al solito ed è un fastidio in più per la coppia N’Koulou-Burdisso. Riscatta la brutta prova di Champions con novanta minuti degni del campione che é.

PJANIC 6 – Primo tempo discreto, ripresa in sordina. Niang spesso gli va via con troppa facilità. Per il bosniaco un derby con poche idee e tanto sudore.

STURARO 6 – Non è appariscente e da lui non ci può certo aspettare l’illuminazione vincente. Dopo un avvio sofferto alle calcagne di Obi trova le misure, coprendo tutto il copribile.

DOUGLAS COSTA 5.5 – Da falso nueve prima e da esterno poi non convince. Mai un guizzo dei suoi. Vive una leggera fase di appannamento rispetto al mese di gennaio. Fare il compitino, d’ora in avanti, non potrà più bastare (21′ st DYBALA 6 – Voto a metà strada fra l’ottimo impatto sulla partita e il gol del 2-0 che si divora. Lo spirito, però, è quello giusto).

HIGUAIN NG – Maledetta la caviglia che lo lascia a piedi (16′ pt BERNARDESCHI 7.5 – Entra a freddo, ma la partita lui la infiamma subito. Prima con un lavoro senza palla eccellente, poi con la straordinaria discesa libera che mette Alex Sandro nella condizione di decidere il derby. Davvero tanta roba, sta diventando un titolare a furor di popolo (47′ st LICHTSTEINER NG)).

ALEX SANDRO 7 – Fa gol e poco altro. Ma va benissimo così: gioca fuori ruolo e si fa trovare al posto giusto, nel momento giusto. Anche questo significa essere determinante.

ALL. ALLEGRI 6 – Mette in campo una formazione di giocatori integri fisicamente (e non ne aveva molti). Quando esce Higuain inserisce Bernardeschi ed è in quell’istante che vince la partita. Bene così, o come direbbe lui: #fiuuu.

TORO – Sirigu 6: De Silvestri 6 (34′ st Edera ng), N’Koulou 5.5, Burdisso 6, Molinaro 5.5; Rincon 6; Iago Falque 5.5, Baselli 5 (9′ st Niang 6.5), Obi 6 (27′ st Acquah 6), Ansaldi 6; Belotti 5. All. Mazzarri 5.5.