Pasculli: «Scudetto Juve o Napoli? Ecco cosa mi ha detto Maradona» – ESCLUSIVA

© foto www.imagephotoagency.it

L’ex attaccante argentino ha parlato in esclusiva a Juventus News 24 della lotta scudetto tra Juventus e Napoli. Le parole di Pedro Pasculli

Campione del mondo con la sua Argentina nel lontano 1986, oggi allenatore a riposo in attesa di una nuova opportunità. Pedro Pablo Pasculli, ex bomber del Lecce, è stato intervistato in esclusiva da Juventus News 24. Tra i temi trattati di strettissima attualità  ecco l’appassionante duello scudetto tra Juventus e Napoli, oggetto anche di una discussione col grande amico Maradona, e il periodo no degli argentini bianconeri Dybala e Higuain che “pensano troppo al Mondiale“. Le interessantissime parole di Pasculli.

Duello scudetto più che mai aperto: Juve e Napoli stanno dando battaglia e spettacolo. Pedro Pasculli per chi fa il tifo?

«Io faccio il tifo per il Napoli perché mi piacerebbe che a vincere fosse una squadra del Sud e per via dell’amicizia con Maradona. Poi naturalmente è giusto che alla fine trionfi chi merita di più. Adesso si sono aperte le speranze per il Napoli e la Juve sta attraversando un momento di grande difficoltà. Soltanto qualche giorno fa ero convinto che il campionato fosse chiuso ma il Napoli ha ribaltato tutto. Ora i bianconeri dovranno affrontare questa trasferta complicata a San Siro mentre gli azzurri andranno a Firenze: può succedere di tutto».

E il suo ex compagno di Nazionale e grande amico Diego Maradona le ha detto qualcosa a proposito?

«Ho avuto modo di parlarci pochi giorni fa quando è passato in Italia. Naturalmente è esaltato dalla vittoria del Napoli allo Stadium e spera che la squadra di Sarri possa arrivare a vincere lo Scudetto. Ma mi ha confessato di essere molto dispiaciuto per il rigore concesso al Real Madrid che è costato l’eliminazione della Juve in Champions: i bianconeri non se lo meritavano».

Da cosa dipendono le difficoltà che sta attraversando la Juventus in questo momento?

«Si tratta chiaramente di un problema mentale dopo la rocambolesca eliminazione in Champions. Non penso si tratti di un calo di concentrazione perché la Juventus è un squadra di esperienza, abituata a gestire questi momenti. Ma il Napoli non ha mai mollato e bisogna dargliene atto».

Higuain e Dybala: da top player a ombre. Come mai?

«Dybala ha chiaramente la pressione addosso del Mondiale: troppa responsabilità gli sta dando enormi problemi. In queste situazione non riesci mai a fare la differenza. Higuain non riesce più a fare gol per lo stesso motivo; pensano entrambi al Mondiale».

Se lei fosse in Sampaoli chi porterebbe al Mondiale tra Dybala, Higuain e Icardi?

«Fosse per me li porterei tutti e tre: sono grandi giocatori. Ma è chiaro che l’Argentina in attacco ha più competizione di qualsiasi altra Nazionale. Secondo me il Pipita alla fine sarà convocato. Dybala ha il ruolo di Messi ma io lo porterei comunque. Su Icardi ho qualche perplessità in più: sta facendo tanto bene e tanti gol nell’Inter ma con l’Argentina non ha mai combinato granché».

Articolo precedente
allegriInter-Juve, i convocati di Allegri: tre assenti
Prossimo articolo
Inter-Juve, i convocati di Spalletti: out Gagliardini