Pierpaolo Marino: «Higuain e De Laurentiis devono smettere di incolparsi a vicenda»

© foto www.imagephotoagency.it

L’ex dirigente del Napoli esprime la sua opinione dopo le polemiche post Juve-Napoli

Dopo la partita tra Napoli e Juventus conclusasi 3-2 in favore dei partenopei, i bianconeri staccano il biglietto per la finale di Coppa Italia contro la Lazio. Ovviamente non sono mancate le polemiche, questa volta tra Higuain e De Laurentiis. Sulla vicenda interviene Pierpaolo Marino, ex dirigente del Napoli tramite 4-4-2: «Higuain ha tutte le ragioni per proporre la sua idea su questa vicenda, secondo me però questo andava fatto in una conferenza stampa e non con dei gesti in campo. Ha risposto alle provocazioni dei tifosi indicando un colpevole, ma in campo un giocatore dovrebbe solo pensare alla partita. Però è normale che lui possa avere una reazione dopo tutti i fischi di un pubblico che fino all’anno scorso lo amava molto». Prosegue:«Higuain credo che con quel gesto volesse dire che quella clausola l’ha messa De Laurentiis. Non possiamo attribuire colpe ma quella clausola è stata frutto di una contrattazione tra Higuain e il suo entourage e il presidente del Napoli. De Laurentiis ha sbagliato a mettere la clausola, perché se vuoi una squadra per vincere non devi imporre delle clausole e poi ha sbagliato a metterla valida anche per l’Italia». E ancora: «Dopo De Laurentiis ha spostato l’attenzione sul ‘tradimento’ del Pipita ma i giocatori stranieri vengono qui per guadagnare, per far rendere al meglio quei 7-8 anni che stanno qui in Europa, non possiamo meravigliarci che un giocatore che porta nelle casse di una società tantissimi milioni e poi viene additato come colpevole, si infastidisca. Non capisco di cosa sia colpevole. Nessuno dei due deve dare la colpa all’altro, il trasferimento è frutto di una negoziazione tra le due parti: non è giusto incolparsi a vicenda».

Articolo precedente
caressaCaressa su Calciopoli: «Moggi fece pressioni per allontanarmi da Sky» – VIDEO
Prossimo articolo
Chiellini diventa dottore, traguardo importante fuori dal campo