Connettiti con noi

Hanno Detto

Pirlo: «Meglio perdere che vincere in difesa. Alla Juve ho imparato molto»

Pubblicato

su

Andrea Pirlo si è raccontato in una lunga intervista. Le parole dell’ex tecnico della Juve sul futuro e la sua esperienza in bianconero

Nel corso di una lunga intervista a The Athletic, Andrea Pirlo è tornato a parlare. Le parole dell’ex tecnico della Juve, tra futuro e non solo.

NAZIONALE – «È stata un’estate magnifica. Non c’è gioia più grande che vincere con la Nazionale. Mancini ha fatto un ottimo lavoro. Italia aveva un’identità e giocava quasi da club. Il calcio non cambia mai. Ci sono due obiettivi: segnare e difendere. Non cambierà mai».

REGISTI INGLESI – «È vero. In Inghilterra non c’è mai stato questo tipo di giocatore. Ci sono stati grandi centrocampisti nel corso degli anni con abilità diverse. C’è il ragazzo del Leeds, che è un po’ regista… ma, siamo un po’ diversi. Non ha le stesse caratteristiche che avevo io. Avete sempre avuto centrocampisti box to box, come Frank Lampard».

CALCIO – «Il calcio non cambia. Ci sono ancora un paio di gol che devi difendere e segnare. Questo non cambierà mai, ma il modo in cui giochi sì; il modo di interpretare le partite, come si muovono i giocatori, ecco cosa è cambiato. Oggi servono giocatori veloci, bravi tecnicamente quando giocano a ritmo elevato, ottimi negli uno contro uno. In passato era un po’ diverso. Ogni anno può succedere qualcosa che può cambiare il modo in cui si gioca a calcio».

VINCERE DOMINANDO – «Ci sono alcuni giovani allenatori che vogliono fare qualcosa di diverso. Per me il calcio sta andando in quella direzione. Guardiola lo ha dimostrato per anni: se non controlli il gioco è molto difficile per te vincere. Ci saranno partite in cui hai il 90% di possesso palla e dove perdi sull’unico tiro in porta, ma io preferisco perdere così piuttosto che passare l’intera partita a difendere in area, cercando di segnare in contropiede».

GIOCO – «Non lo cambierò perché alcuni dei risultati non erano buoni. È ancora così che penso alle partite: giocare dalle retrovie, cercando di tenere la palla, riconquistando il possesso il più rapidamente possibile. Molto dipende dai giocatori che hai a disposizione e da cosa ti permettono di fare. I giocatori sono molto più importanti degli allenatori. Sono gli allenatori che devono adattarsi».

JUVENTUS – «Ho imparato molto. È stata la mia prima esperienza da allenatore ed è stata intensa. Abbiamo iniziato la stagione con una sola amichevole. È stato tutto molto veloce, abbiamo giocato ogni tre giorni, senza tifosi… È stata dura per la squadra di adattarsi a qualcosa di nuovo. La cosa più importante è sempre stata recuperare».

ANNATA – «Avrei potuto fare di più, ma quando non si ottengono dei risultati, il primo responsabile è l’allenatore. Devo lavorare per fare meglio».

MCKENNIE – «È giovane e può migliorare molto”, dice Pirlo dell’americano. “Secondo me è un centrocampista che può giocare da numero 8 in un tre a centrocampo, destro o sinistro. Entra in area e segna, ma è anche molto bravo a riconquistare il pallone. Il suo ruolo è in un tre a centrocampo come uno dei due giocatori ai lati del regista. L’anno scorso abbiamo giocato in un sistema diverso, quindi si è dovuto adattare».

ESPERIENZA IN MLS – «Mi piacerebbe andare all’estero, ho trascorso tre anni negli Stati Uniti, quindi non ho problemi con l’inglese e parlo anche il francese. Sento di poter andare ovunque. Non guardo tutte le partite ma lo accendo quando posso, so che fa molto caldo in questo periodo dell’anno. Ricordo di aver giocato con quel caldo. È difficile per i giocatori mantenere un’intensità elevata quando fa così caldo». Poi continua: «Guardo tutte le squadre. Amo New York – avevo una casa lì prima di trasferirmi negli Stati Uniti – ma mi piace tutto della MLS. Mi è piaciuto molto il mio tempo lì. Mi sono trovato bene con la società, i compagni, lo staff e gli allenatori che ho avuto. È stata una grande esperienza di vita, anche una grande esperienza calcistica. Due dei miei figli sono nati in America, quindi è qualcosa che porteremo sempre con noi. È come una casa per loro, una parte della nostra vita. Sono americani».

CALCIO IN AMERICA – «Non escludo nulla, è un grande campionato. Vedo molti allenatori venire in MLS da altri paesi. Ho avuto la fortuna di giocare lì. ho visto cosa ha fatto l’USMNT nella Gold Cup (vincendo la loro versione degli Euro quest’estate), quindi direi che il gioco americano sta decollando. Molti americani ora giocano per i migliori club del mondo: Juve, Barcellona, ​​Chelsea. Se stanno giocando a quel livello, parla del loro potenziale».

FUTURO – «Sto guardando molti allenatori diversi: puoi imparare da chiunque. Sto guardando partite e sessioni di allenamento online. Quando sarà più facile viaggiare, andrò a vederne alcuni di persona. Mi sono imbattuto in Mauricio Pochettino in vacanza a Ibiza e mi ha chiesto di passare da Parigi per salutarmi. Se posso, mi piacerebbe andare a Manchester a vedere Guardiola».