Pirlo presenta Juve-Torino: «Derby partita emozionante da giocare»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Pirlo presenta Juve Torino: le parole dell’allenatore bianconero alla vigilia del del derby della Mole di Serie A

Vigilia di derby per la Juve di Andrea Pirlo, che domani pomeriggio alle 18 ospita il Torino all’Allianz Stadium nella classica stracittadina. Bianconeri reduci dal pareggio per 1-1 sul campo del Benevento.

Nel giorno di vigilia, Andrea Pirlo ha parlato a Juventus TV per presentare l’incontro. Juventus News 24 ha seguito LIVE le sue parole.


DERBY – «È importante perché è la stracittadina. Ho avuto la fortuna di farne parte per parecchie volte, di vincere e di segnare. È una partita bella da giocare perché dentro ci sono tante emozioni, speriamo di fare una bella partita».

COME ARRIVA LA JUVE – «Arriva bene, cerchiamo di recuperare forza in queste ultime ore dopo la partita dell’altra sera. Ci prepariamo mentalmente per fare una gara seria».

TORINO – «È una buona squadra, costruita bene da un ottimo allenatore. Esprime un calcio propositivo, con bravi giocatori in tutte le zone del campo».

GOL NEL DERBY NEL FINALE – «Fu una grandissima emozione. In dieci, riuscire a vincerla in quel modo, è stata una bellissima emozione».

ASSENZA MORATA – «Cercheremo di riempire l’area con giocatori diversi, magari con delle rotazioni. Cercheremo di arrivarci da fuori. L’area è da riempire perché i gol arrivano da lì».

DINAMO KIEV – «E’ stata la risposta che cercavo, per noi stessi e per l’umore dei ragazzi. Avevano bisogno di fare questo tipo di gara. Non abbiamo subito gol che è importante e adesso lavoriamo con serenità».

CHIESA – «Gli chiedo tante cose e le sta facendo bene. E’ un bravissimo giocatore, non è facile essere catapultato dalla Fiorentina alla Juve. E’ arrivato con tanto peso, ci è voluto un po’ per adattarsi e ora sta crescendo. Quello che gli chiedo è di andare in area, perché un esterno come lui, quando l’azione si sviluppa dall’altra parte, deve andare a concludere».

DRAGUSIN – «I giovani giocano perché la Juventus ha costruito la Seconda squadra per attingere da quella. E’ più facile per un allenatore riuscire a mettere dentro qualche giovane. Dragusin fisicamente è fortissimo, molto giovane, deve crescere molto tecnicamente ma allenandosi con grandi campioni riuscirà a farlo».

ALEX SANDRO – «Ha fatto una grande partita l’altra sera. Ha solo bisogno di ritrovare la forma migliore, ma ha dimostrato di essere sulla buona strada».

CHE SETTIMANA SARA’ – «Bella, lunga, ma l’obiettivo è catapultarci sul derby di domani. Pensiamo di partita in partita».

Condividi