Connettiti con noi

Calciomercato Juve

Pogba Juve: spogliatoio, Allegri, futuro. Tutti i motivi che lo spingono a Torino

Pubblicato

su

Pogba Juve: spogliatoio, Allegri, futuro. Ecco tutti i motivi che spingono il centrocampista francese a Torino

Paul Pogba e la Juve, atto secondo? Il nome del centrocampista francese è tornato prepotentemente di attualità in casa bianconera, con il contratto in scadenza a giugno che lo rende un colpo a zero più che appetibile. La dirigenza ci pensa (anche Real Madrid e Psg), e studia la giusta strategia per architettare il suo ritorno a Torino. E c’è anche ben più di un motivo ad alimentare questa speranza…

Pogba Juve: spogliatoio compatto sul ritorno del francese

Spogliatoio Juve compatto verso il possibile ritorno a Torino di Pogba. Nella sua autobiografia Io Giorgio, Chiellini parlò così del francese: «Ricordo quando arrivò da noi: dopo tre o quattro giorni di ritiro, io e i miei compagni ci guardammo in faccia e dicemmo: ‘Ehi, ma questo è forte davvero!’ Proveniva dal Manchester United da svincolato, era giovanissimo e pensavamo fosse uno dei tanti di passaggio, uno di quelli che le società usano per fare un po’ di mercato».

Anche Dybala, a Telefoot, elogiò Paul: «Tutti vorrebbero avere un giocatore delle qualità di Pogba in squadra», mentre Morata poco prima del suo addio disse: «È un mio amico e spero che rimanga ma è davvero un crack». Negli anni, poi, Pogba ha sempre mantenuto un legame “social” con la Juventus, in particolar modo lo testimoniano likes e commenti sotto le fotografie dei suoi ex compagni di squadra. Dopo la qualificazione agli ottavi di Champions del 2019, Paul scrisse a Bonucci: «Capitanoooo».

Pogba Allegri: alleato per il ritorno alla Juve

Alleato numero uno per il ritorno di Pogba è lo stesso Massimiliano Allegri. I due hanno sempre manifestato un ottimo rapporto, come testimoniato da alcune partitelle a basket e calcetto nei momenti di pausa tra un allenamento e l’altro. L’allenatore livornese potrebbe così giocare un ruolo importante nell’influenzare la scelta di Paul, anche se al momento non si è voluto sbilanciare: «Parlare di Pogba, di robe, di cose, non ha senso. È un giocatore del Manchester, non so l’anno prossimo cosa farà. Con lui ho avuto un ottimo rapporto, si arrabbiava perché perdeva a basket e calcio. In questo momento parlare di mercato non ha senso, il nostro obiettivo è raggiungere il quarto posto, la finale di Coppa Italia e un quarto di Champions. Il resto lo vedremo più avanti». Così nella conferenza stampa pre Juve Spezia.

Pogba alla Juve: nostalgia di Torino e situazione al Manchester United

Altro ruolo importante potrebbe giocarlo la nostalgia di Pogba di Torino e della Juventus. In bianconero è cresciuto, maturato, diventato grande e fuoriclasse prima di ritornare al Manchester United. La Vecchia Signora è nei ricordi più dolci del centrocampista: qui dove ha vinto tanto ed è stato ‘coccolato’ da società, tifosi e squadra. Come detto, il contratto di Paul è in scadenza a giugno: al momento le trattative per il rinnovo procedono lentamente. Quattro strade, dunque, per il suo futuro: restare al Manchester United, oppure cambiare squadra con Psg, Real Madrid e Juventus a volerlo fortemente.