PUNTO A CAPO – Il tridente e le risposte della Juve in Champions

© foto www.imagephotoagency.it

La Juve eguaglia il record dei 16 punti nel girone e aspetta il sorteggio di lunedì. Intanto Sarri si gode il tridente e Demiral

Sarri era in cerca di risposte, dopo il punto in due partite tra Sassuolo e Lazio. E a Leverkusen la Juve ha dato segnali importanti, a partire da un tridente che da oggi difficilmente si potrà considerare solo un’opzione a gara in corso. La Juve l’ha sbloccata e l’ha chiusa grazie all’ingresso in campo di un Dybala, perfettamente in sintonia con Ronaldo e Higuain. Con la Joya la Juve ha ritrovato vitalità, fantasia e quell’incisività offensiva che mancava.

Ora toccherà a Sarri ricercare la sostenibilità di un 4-3-3 che al momento sembra l’arma vincente dei bianconeri. Indicazioni positive anche dai singoli ad eccezione di Rabiot, ancora perso, impacciato e fuori dagli schemi con 12 palloni persi nel primo tempo. Buffon e Danilo due sicurezze, De Sciglio a sinistra ha faticato nel primo tempo e poi è cresciuto fino ad entrare nell’azione del gol con un “tunnel”, bene anche Cuadrado mezz’ala, qualche segnale positivo da Bernardeschi anche se la partita cambia quando esce. La nota più positiva è Demiral: al debutto in Champions si mangia il campo e salva il risultato su Havertz. Più tonico e decisivo di un buon Rugani, alla seconda presenza stagionale sembra già uno da Juve.

Condividi