Quagliarella: «A porte chiuse è un altro sport, mi lascia perplesso»

quagliarella sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Quagliarella: «A porte chiuse è un altro sport, mi lascia perplesso». L’attaccante della Sampdoria sull’emergenza Coronavirus

Fabio Quagliarella, attaccante della Sampdoria, ha espresso il suo parere ai microfoni di Sky Sport per quanto riguarda l’emergenza Coronavirus e la scelta delle porte chiuse.

PORTE CHIUSE – «Giocare a porte chiuse è un altro sport. A inizio partita non puoi dare la mano all’avversario poi quando inizi ci sono le marcature sui calci d’angolo, mi viene da ridere, mi lascia perplesso. Rinvii e decisioni continue? Stacchi non stacchi, concentrato non concentrato… non è facile sicuramente».

PROGRAMMA TOMMASI – «Stiamo provando a capire cosa si può fare. Non so se sia giusto giocare o no. Noi ci adegueremo a ciò che ci verrà imposto. In questi giorni ci sentiremo tra noi giocatori, basta che ci sia coerenza sulle direttive da seguire».

Condividi