Rampulla: «Perin alla Juve paga la mancanza di continuità»

© foto www.imagephotoagency.it

L’ex preparatore dei portieri della Juventus commenta l’ultima prestazione di Mattia Perin contro il Parma. Le parole di Michelangelo Rampulla

Intervistato in esclusiva da TuttoJuve, Michelangelo Rampulla, storico preparatore dei portieri di Marcello Lippi, ha analizato così le difficoltà messe in mostra dai bianconeri con il Parma: «Ho visto la partita con il Parma e ho notato delle disattenzioni difensive, Perin a mio giudizio non ha colpa su nessuno dei tre gol presi. Possono capitare questi momenti durante una stagione, specialmente quando sei consapevole di avere tanti punti di vantaggio sui rivali e non entri in campo con la concentrazione giusta. In più aggiungiamo l’assenza di Chiellini. Io non la vedo così grigia. Forse la platea si è abituata troppo bene, non si può sempre vincere».

PERIN – «Non l’ho visto insicuro, però una mancanza di continuità può esser più grave per un portiere che per un calciatore di movimento. Dipende, poi, anche dal carattere e dal tipo di esperienza acquisita. Perin è un ’92 ed è relativamente giovane, si è trovato in una squadra in cui gioca poco con una difesa che mancava di diversi titolari. Questo aumentava senza ombra di dubbio il coefficiente di difficoltà nella sfida col Parma».