Lo scopritore di Chiesa: «Juve? Gliel’ho detto in privato»

Iscriviti
milan juve chiesa
© foto Chiesa

Le parole del presidente della Settignanese, Maurizio Romei, uno dei primi a scoprire Federico Chiesa

Maurizio Romei, presidente pro tempore e dg della Settignanese, nonché scopritore di Federico Chiesa, ha parlato a Radio Sportiva della crescita di Federico.

LE DICHIARAZIONI – «Da bambino Federico mostrava buone qualità, simili a quelle che aveva il babbo Enrico, ma era impossibile sentenziare su una carriera di questo livello. È stato svolto un gran lavoro dalla Fiorentina, da Enrico e soprattutto dallo stesso Federico, che non ha mai mollato. Lui è venuto fuori con Leonardi e con Guidi nel vivaio viola, poi è stato Sousa a crederci in prima squadra. Ora sta gestendo molto bene la maglia della Juventus, gli ho anche fatto i complimenti in privato. Sono tifoso viola, ma guardo sempre la Juventus perché mi piace veder giocare Federico. I bianconeri lo hanno preso perché salta l’uomo, sulla fascia va via e o mette cross o conclude».

LEGGI ANCHE: Pradè: «Una gara speciale anche per Commisso. Spero che Chiesa…»

Condividi