Schick e il no della Juve… per ora: ecco cosa è successo veramente

schick
© foto www.imagephotoagency.it

Ecco perché è saltato l’affare tra la Juventus e la Sampdoria per Schick. E ora cosa succede? Le ultime tra retroscena e dettagli

Tanti retroscena su Patrik Schick. Il calciatore classe 1996 era stato scelto dalla Juventus dopo un’ottima stagione con la Sampdoria condita da 11 gol alla prima vera annata in Serie A. Il 22 giugno il giocatore aveva sostenuto le visite mediche con la Juve. I test erano durati più di 8 ore ma non erano trapelate negatività. Dopo un paio di settimane di silenzio ecco spuntare i primi rumor: Schick ha un problema cardiaco e potrebbe non ottenere l’idoneità sportiva. La Sampdoria e la Juve volevano vederci chiaro e il giocatore ha sostenuto nuovi test la scorsa settimana, presso il Gemelli di Roma. Il professor Paolo Zeppilli, cardiologo responsabile dell’Unità di Medicina dello Sport del Policlinico Gemelli di Roma, ha confermato la tesi della Juve. Il giocatore ha una lieve aritmia cardiaca e dovrà riposare per circa un mese, un mese e mezzo.

«Le Società Juventus FC e UC Sampdoria comunicano che é stato deciso, di comune accordo, di non perfezionare il trasferimento del giocatore Patrik Schick». Il giocatore, come detto, dovrà riposare per circa un mese, un mese e mezzo e poi dovrà sostenere nuovi test medici. La Samp spera di accelerare la questione e vorrebbe effettuare i nuovi test nel giro di un paio di settimane. Perché il ragazzo non è stato fermato durante l’Europeo? Perché il problema del ragazzo non rischia di ripercuotersi nell’immediato ma in un prossimo futuro. La Juve, per il momento, ha abbandonato la pista. I bianconeri continueranno a seguirlo e a gennaio potrebbero tornare all’assalto. La Samp spera di rivendere immediatamente il giocatore e parlerà con Inter, Roma e PSG. La Juve, grazie a Nedved, non abbandonerà la pista.

Articolo precedente
bernardeschiFinalmente Bernardeschi! Giornata decisiva: l’agente è a Milano
Prossimo articolo
Hernanes saluta la Cina: ufficiale il ritorno al San Paolo