Il solito Cristiano Ronaldo: la super annata tra Scudetto e record personali

© foto www.imagephotoagency.it

Cristiano Ronaldo tiene lontane le critiche e prosegue felicemente il suo matrimonio con la società bianconera

Ogni parola sarebbe superflua, ma limitarci ai numeri renderebbe tutto troppo freddo, scontato, normale. La seconda stagione in bianconero di Cristiano Ronaldo invece ha saputo mostrare un lato più umano rispetto a quella precedente seppur mettendo a referto numeri provenienti da un altro pianeta. Nella sua annata d’esordio CR7 sembrava un miraggio, un qualcosa addirittura che potesse essere più grande del contesto in sé. Con il tempo anche i tifosi hanno saputo abituarsi all’idea che uno dei migliori calciatori della storia facesse parte del mondo Juve in prima persona. E continuerà a farlo ancora.

Nel bene e nel male

Prima di conquistare il suo secondo titolo italiano, Ronaldo ha saputo porgere l’altra guancia al Napoli nella finale di Coppa Italia. Vederlo sprofondare in panchina scuro in volto al fianco di Cuadrado e Dybala dopo i calci di rigore è stato inedito per tutto il mondo, abituato a vederlo decisivo e soprattutto sorridente dopo una finale. Come nei primi mesi in Italia, le critiche del CR7 post Covid non sono mancate. La risposta di Cristiano non è fatta attendere e se prima della pandemia si contavano 21 gol in 22 partite in campionato, dopo ne sono arrivati altri dieci. Come se non bastasse arriva anche il record di essere il primo calciatore nella storia a segnare 50 gol in Premier League, Liga e Serie A mentre qualche mese fa aveva eguagliato il record delle undici gare consecutive in gol. E indovinate in tutto ciò chi ha segnato il gol Scudetto?

Al centro del progetto

«Sicuramente sì, non ci sono dubbi». Risposta chiara e senza troppi giri di parole di Fabio Paratici alla domanda riguardante il futuro del portoghese. Le solite sirene estere rimangono di facciata, utili per stuzzicare i palati fini di tutta Europa e la mente dei tifosi. Ma la realtà, dura per chi non è juventino, non lascia spazio ad altre interpretazioni: Ronaldo è e resterà bianconero, al centro del progetto e alla ricerca di nuovi trofei per rendere grande sé stesso ma soprattutto la Juve.

Condividi