Sturaro all’estero: parola del suo procuratore

sturaro
© foto Massimo Pinca

Carlo Volpi, procuratore di Stefano Sturaro: «Se parte, va all’estero. Abbiamo ricevuto tante telefonate…»

Stefano Sturaro è il nome in uscita di questo calciomercato. Sessione in cui la Juve non farà tante operazioni e potrebbe anche decidere di blindare tutto così com’è. Per ora il destino dell’ex-Genoa è legato alla situazione terzini. Sulla destra, tolti De Sciglio e Lichtsteiner – apparentemente – non ci sono altre soluzione. Con Barzagli che si adatta all’occorrenza, Allegri sembra essersi convinto, specie dopo il derby, che in quel ruolo Sturaro è troppo sacrificato. E visto che a centrocampo c’è addirittura meno spazio, la soluzione sembra essere una sola.

Lo stesso procuratore del giocatore Carlo Volpi ne ha parlato a Radio Sportiva, dicendo cose parecchio interessanti. «Sono ormai due mesi e mezzo che ricevo telefonate da ds di club italiani e esteri. Non dimentichiamoci però che la Juve è stata la prima squadra a credere nel ragazzo. I dirigenti continuano a dirmi che Stefano fa parte del progetto. La stessa società ha detto di no a diverse proposte di prestito in Serie A».

La partenza però non è un’ipotesi da scartare del tutto. «E’ difficile, ma se dovesse andare via adesso, penso che l’unica soluzione sarebbe l’estero». Dove a questo punto? Le opzioni, come rivelato in esclusiva qualche giorno fa, sono sostanzialmente tre: Valencia, Monaco e… il Psg. I parigini alle prese con l’eventuale partenza di Pastore stanno pensando di cautelarsi allungando la panchina con un nuovo centrocampista, da qualche stagione ormai abituato a ruolo di “rincalzo” in una big.