Super Benatia, partita da leader: Khedira, dove sei finito?

benatia
© foto www.imagephotoagency.it

Schierato come perno centrale della difesa a 3, il marocchino ha offerto una delle migliori prestazioni da quando è alla Juve

Come ha anche confermato Massimiliano Allegri, la sfida di ieri sera ci ha insegnato una cosa: la Juve sa ancora difendere. Al di là della disposizione e della composizione del pacchetto arretrato, infatti, nel match di ieri i bianconeri sono riusciti a non concedere neanche un vero e proprio tiro in porta al Barcellona e ciò sottolinea il fatto che gran parte dei gol subiti in campionato in questo inizio di stagione sono frutto di gravi distrazioni, così come accaduto domenica a Genova contro la Samp.

BENATIA, CHE MURO! – Ad ogni modo, ieri sera, per fermare Suarez e compagni ci è voluto un super Benatia: il marocchino è stato sicuramente il migliore tra le fila bianconere in quanto è stato impeccabile in marcatura, ha vinto tutti i duelli fisici contro gli avversari blaugrana e soprattutto è arrivato per primo sulla maggior parte dei palloni che vagavano pericolosamente nell’area di rigore juventina. Male, invece, Khedira: nelle ultime uscite, infatti, il tedesco sembra un corpo estraneo alla squadra, nonché la brutta copia di quel centrocampista roccioso nella fase difensiva e letale negli inserimenti alle spalle della difesa avversaria che abbiamo conosciuto. Impensabile che Sami si sia dimenticato come si torni ad essere indispensabile per lo scacchiere di Allegri: forse ha soltanto bisogno di riposare un po’.