Taglio stipendi calciatori: la richiesta dei club e la posizione dell’AIC

© foto www.imagephotoagency.it

Taglio stipendi calciatori: la richiesta dei club e la posizione dell’AIC. Ecco il possibile scenario sugli ingaggi

Come ricostruito questa mattina da La Gazzetta dello Sport, i club di Serie A hanno ufficialmente inviato al Governo le prime proposte per il contenimento della crisi economica dovuta la Coronavirus.

In cima al plico c’è, naturalmente, la questione degli stipendi dei calciatori. Le società chiederebbero la “sospensione degli ingaggi relativi ai giorni di inattività: fino all’8 marzo i giocatori sono stati impegnati, dunque verrebbero regolarmente pagati. Dal giorno successivo in poi e fino a quando le condizioni non permetteranno la ripresa: è su questo periodo che i club intendono calcolare un congelamento temporaneo dei versamenti“.

Il presidente dell’AIC, Damiano Tommasi, si è pronunciato così in merito: «Tema da affrontare, ma non adesso. L’AIC non può imporre ai calciatori di accettare eventuali tagli. Possiamo dare una linea, ma sulle rinunce decidono i singoli. Siamo d’accordo con la Lega dì anticipare le ferie estive e di considerare questi giorni come vacanze per ridurre le ferie a luglio. Su questo nessun problema. Sugli stipendi vedremo».