Tavecchio, ora è ufficiale: ha rassegnato le dimissioni!

tavecchio-abodi
© foto www.imagephotoagency.it

Ora è ufficiale: Carlo Tavecchio ha rassegnato le dimissioni al Consiglio federale. Nuove elezioni nel giro di 90 giorni

Dopo la testa di Gian Piero Ventura cade anche quella di Carlo Tavecchio. Era inevitabile. Il presidente della FIGC non aveva intenzione di rassegnare le dimissioni, nonostante la figuraccia dell’Italia che non ha ottenuto il pass per andare ai Mondiali, ma è stato ‘costretto’ a farlo. Il presidente non aveva più peso politico. Solo l’Associazione degli Allenatori con Ulivieri era dalla sua parte. La Lega Dilettanti, quella di A, quella di B e l’Associazione dei calciatori ha deciso di non sostenere più il presidente. Incerto il voto degli Arbitri. Tavecchio aveva chiesto anche le dimissioni del Consiglio Federale ma nessuno le ha rassegnate!

«Il Consiglio federale resta in carica, Tavecchio si occuperà della gestione ordinaria fino a nuove elezioni che dovranno essere indette entro 90 giorni – ha detto Gabriele Gravina, presidente della Serie C a Sky Sport – Il commissario non è previsto, ora serve un progetto rivoluzionario e innovativo». Questo il pensiero di Sibilia, presidente della Lega Dilettanti: «C’è stata una componente autorevole che ha pensato di non fare più parte della maggioranza e noi ne abbiamo preso atto. Ringraziamo Tavecchio per quello che ha fatto, ora il calcio ha bisogno di ripartire e cominciare un nuovo percorso».