Torreira l’osservato speciale

© foto www.imagephotoagency.it

Domenica contro la Sampdoria, a Marassi, occhi puntati su un ragazzo di sicuro avvenire che la Juve tiene sotto osservazione da mesi

Sampdoria-Juventus, una sfida importante per i bianconeri in ottica campionato, ma anche per esaminare, da vicino, un ragazzo che Marotta e Paratici seguono da qualche tempo. Parliamo di Lucas Torreira, uruguagio di 21 anni, centrocampista, approdato in questa stagione in Serie A con la maglia blucerchiata, un nome sui taccuini di molti osservatori di grandi club. Torreira, come peculiarità tecniche può essere avvicinato a Lucas Biglia della Lazio o a Pizarro, ex regista di Udinese e Roma, due interpreti a cui il ragazzo guarda da sempre, ispirandosi. Non di grande statura, 167 centimetri, il giocatore nasce come seconda punta, ma col tempo, grazie ai consigli di alcuni suoi allenatori, ha arretrato il proprio raggio d’azione, calandosi nei panni del mediano interditore davanti alla linea difensiva, diventando un faro per l’impostazione del gioco.

Giocatore capace di recuperare tanti palloni, sfoggia qualità dinamiche e di corsa, e proseguendo su questa falsariga avrà  un futuro assicurato, visto che la maturazione procede in maniera ottimale. In base alle sue doti tecniche e a un piede destro vellutato, incarna la figura del centrocampista moderno tuttofare ma con qualità limpide, riuscendo ad unire il lavoro sporco da incontrista ai compiti più sottili di regia. Spesso la manovra offensiva della squadra di Giampaolo riparte proprio dalle sue geometrie e suggestioni di gioco, e nonostante la giovane età, brilla per personalità e temperamento sudamericano, insomma grinta e piedi buoni a disposizione dei compagni.

L’anno scorso al Pescara ha assaggiato il calcio italiano, quest’anno, arrivato a Genova nella massima serie, si è imposto senza tentennamenti, diventando un titolare fisso nelle gerarchie della Sampdoria. La Juventus, con il suo scouting ad ampio raggio, lo osserva e ne soppesa prestazioni e caratteristiche anche in chiave mercato. Torreira potrebbe diventare, a stretto giro di posta, un centrocampista appetito dal club bianconero. Magari non per l’immediata campagna acquista estiva ma piuttosto in chiave futura.

Articolo precedente
Viareggio Cup: Juve, con la Maceratese è già sfida da dentro o fuori
Prossimo articolo
Rassegna Bianconera di sabato 18 marzo 2017