Var, l’attacco di Buffon: «Diamoci una regolata»

buffon
© foto www.imagephotoagency.it

Il Var è la grande novità del 2017, Gigi Buffon analizza senza peli sulla lingua: «Sei minuti per vedere se gli ha tolto il cerume…»

Fra i tanti rendiconti tipici del count-down per il nuovo anno calcistico non si può non parlarne. Il Var, che poi in realtà sarebbe femminile, ma ormai tutti se ne sono scordati. La tanto agognata moviola in campo ha fatto il suo esordio e l’Italia è all’avanguardia. A livello di tempistiche naturalmente. Perchè poi le opinioni sono divergenti.

Fra un gol fantasma clamorosamente annullato al Barcellona (in Liga non c’è nessun Var) c’è anche il contro altare. Vedi il mani di Mertens contro il Crotone non sanzionato o l’incredibile rigore non concesso a Immobile in Lazio-Torino. Ecco perchè fra i diretti interessati c’è chi ha fatto presente qualcosa.

Gigi Buffon, non uno a caso, già aveva avvertito tutti a inizio stagione. Poi ha mantenuto la sua linea di pensiero. «Come ho detto dopo la partita col Genoa– ha detto alla Gazzetta dello Sportil mezzo andava tarato. Voglio chiarire: non ho mai detto di essere contro, resto a favore. Diamoci però una regolata. Se uno ha messo un dito nell’orecchio all’altro e dobbiamo aspettare sei minuti per vedere se gli ha tolto il cerume, allora non gioco più…Adesso la situazione mi sembra comunque migliorata».