Vigilia di derby, Allegri ha in mente qualche cambio

cuadrado
© foto www.imagephotoagency.it

Nell’ormai intoccabile modulo 4-2-3-1, il tecnico juventino potrebbe scegliere di inserire qualche pedina che non ha giocato a Monaco in luogo dei titolari

La Juventus sta vivendo questo finale di stagione senza un attimo respiro. A tre giorni di distanza dalla trasferta di Monaco, infatti, i bianconeri scenderanno in campo nuovamente e l’appuntamento è un altro da non sbagliare: domani sera alle 20.45, infatti, la squadra di Allegri sfiderà il Torino allo Juventus Stadium, in quello che sarà il 5° derby della Mole di campionato nel nuovo stadio.

I PRECEDENTI – Neanche a dirlo, le cinque gare che sono state disputate allo Juventus Stadium tra i bianconeri e i granata hanno visto sempre vincere i padroni di casa. I tifosi torinisti ricorderanno senz’altro con particolare dispiacere gli ultimi due, in quanto entrambi sono stati portati a casa dalla Signora con il punteggio di 2-1 e con due gol siglati nei minuti di recupero: Andrea Pirlo, infatti, decise la stracittadina del 30 novembre 2014 con un preciso tiro dalla distanza, mentre quello dello scorso campionato vide il sigillo di Juan Cuadrado a tempo ormai scaduto.

LA PROBABILE FORMAZIONE – Nonostante la posta in palio sia alta e un’eventuale vittoria consegnerebbe lo scudetto alla Juventus in maniera quasi aritmetica, Allegri sta pensando di far riposare qualche titolare, riservandogli la panchina domani sera, quantomeno dall’inizio. In difesa, infatti, dovrebbe esserci spazio per Lichtsteiner ed Asamoah dal 1′ (il che presuppone che Dani Alves ed Alex Sandro partano dalla panchina), così come Benatia giocherà in luogo di uno tra Bonucci e Chiellini al centro della retroguardia. A centrocampo ritroverà spazio Khedira a discapito di uno tra Marchisio e Pjanic: i quattro terminali offensivi, invece, saranno tutti in campo compreso Cuadrado, il quale è soltanto subentrato nella ripresa mercoledì a Monaco. Alle 14.30, Allegri parlerà in conferenza stampa e dalle sue parole ne sapremo di più.

Condividi