Connettiti con noi

Juventus U23

Zironelli: «Altro passo in avanti, dobbiamo migliorare l’aspetto mentale»

Pubblicato

su

Le parole del tecnico della Juventus U23 Mauro Zironelli nel post gara con l’Arezzo, nella sfida valida per la settima giornata del campionato di Serie C girone A

(Giovanni Albanese inviato allo Stadio Moccagatta di Alessandria) La sfida tra Juventus U23 e Arezzo è stata valida per la settima giornata del campionato di Serie C girone A. Queste le parole del tecnico Mauro Zironelli a conclusione del match, all’interno della sala stampa dello Stadio Moccagatta di Alessandria, dove i giovani juventini giocano le gare casalinghe.

MATCH – «Dopo l’1-0 sembrava che aspettassimo di prendere gol. Hanno preso una traversa e Nocchi ha fatto una gran parata e alla fine hanno pareggiato. Poi siamo riusciti a vincerla noi per fortuna. Siamo stati bravi a vincerla e sono contento perché venivamo da una brutta partita in Sardegna. Oggi abbiamo fatto qualche passetto in avanti rispetto alla gara con la Pro Patria».

APPROCCIO – «È stata un’ottima prima mezz’ora, siamo stati bravi. Poi dopo l’Arezzo è una grande squadra e sono venuti fuori. Noi abbiamo chiuso bene il primo tempo, poi abbiamo fatto più fatica»

TOURE AVANZATO – «Stavamo giocando con troppo possesso e allora l’ho avanzato. Ha avuto un paio di occasioni importanti, è un giocatore impressionante a livello fisico che oggi ha fatto la sua miglior partita stagionale».

EMMANUELLO – «Viene da un’operazione ma ha fatto una grande partita. Lui deve trovare il ritmo ma sono contento perché ha iniziato a ingranare».

PREPARAZIONE – «Calendario intenso? È così e dobbiamo abituarci. Quando ci sono le Nazionali facciamo fatica in allenamento. Cerchiamo di fare quello che si riesce e cercare di pensare di partita in partita. Dovremo essere sempre sul pezzo».

ROSA – «Sono tutti potenzialmente ottimi calciatori che devono solo migliorare a livello mentale. Lo stesso Pereira ogni tanto si spegne. Ma fa parte dell’età, comunque questo campionato li farà bene».

MAVIDIDI – «Dobbiamo sorreggerlo perché è tanto che non segna. Oggi lui e Olivieri hanno stancato la difesa e Bunino ha raccolto il loro lavoro».

ZANIMACCHIA – «Lo preferisco più avanzato perché riusciamo a trovarlo con più facilità».

Advertisement
Advertisement

New Generation

Advertisement

TV BIANCONERA

Advertisement