Allegri nel post gara: «Sbagliato troppo, Dybala come Neymar»

allegri
© foto www.imagephotoagency.it

L’allenatore livornese dopo Verona-Juventus analizza la prestazione dei bianconeri ed elogia un ritrovato Paulo Dybala. Le parole di Massimiliano Allegri nel post gara

Si è arrabbiato, parecchio questa sera, Massimiliano Allegri. Tanti, troppi errori tecnici per la Juventus di scena al Bentegodi. Ma il 2017, alla fine, si è concluso nel migliore nei modi: con i tre punti. Ma non solo. Indovinate un po’ chi è tornato? Paulo Dybala firma una doppietta da urlo e si prende, con pieno merito, i complimenti di Max dopo il triplice fischio. Ancora una volta la “cura panchina” di Allegri, ha funzionato. Ecco le parole del tecnico ai microfoni di Sky Sport nell’immediato post gara.

IL MATCH – «Dopo il vantaggio abbiamo smesso di giocare e sbagliato molto tecnicamente. Rischiavamo di lasciare punti su un campo difficile dove la Juve non vince dal 2001. Il Verona veniva da un buon momento, non era semplice».

CAMBIO DI MODULO – «A fine primo tempo ho preferito togliere un centrocampista, avere più ordine e togliere a loro un po’ di ampiezza. Abbiamo un calendario difficile, ci aspettano due partite in casa e cinque in trasferta».

DYBALA COME NEYMAR – «Dybala? La condizione psicologica è fondamentale. E’ un punto di partenza, Paulo deve fare il suo percorso come tutti. Deve solo pensare a migliorare e sapere che nel giro di tre anni può essere il giocatore più importante al mondo assieme a Neymar. Ora deve pensare a fare e lavorare. Gli vengono messe cose in testa che non sono giuste. Ha un percorso davanti e deve continuare a fare quel percorso, lavorando tecnicamente e di testa».

LICHTSTEINER – «E’ uno di quelli che ha vinto sei scudetto, ha cuore, testa e qualità. Ha preso una botta clamorosa ma grazie a lui siamo andati in vantaggio. Rientrava da un infortunio. E’ un giocatore importante assieme a De Sciglio e Sturaro che può fare il terzino».

SCUDETTO – «E’ ancora lunga, il Napoli ha fatto 99 punti nel 2017, numeri straordinari. Dobbiamo rimanere in scia e cercare di superarli se loro ce lo permettono. Se le vincono tutte non possiamo superarli».

MANDZUKIC – «E’ un giocatore che tutti vorrebbero avere e per fortuna io ce l’ho. Quando Mario gioca seriamente è un top ma dopo il gol oggi ha iniziato ad andare a risparmio energetico».

NUOVO CALENDARIO – «In questo momento dopo tante partite è giusto anche avere una settimanetta così li vedo meno e mi riposo».