Connettiti con noi

Hanno Detto

Allegri a Dazn: «Guardiamo le cose positive: siam partiti meglio dell’anno scorso»

Pubblicato

su

Massimiliano Allegri, allenatore della Juve, ha parlato a Dazn dopo la partita contro la Sampdoria. Le sue dichiarazioni

Massimiliano Allegri a DAZN dopo Sampdoria Juve. Le sue dichiarazioni.

SQUADRA LUNGA – «Mettiamo le cose positive: non abbiamo preso gol per due partite. La Sampdoria nel primo tempo ha corso molto, noi nel secondo abbiamo fatto buone cose. Fatto un gol, avuto due situazioni favorevoli. Nel finale abbiamo avuto anche un’occasione. Nel calcio non bisogna mai fare una cosa, ossia correre all’indietro. Era successo uguale col Sassuolo, quelle cose lì van migliorate. Abbiamo fatto un buon secondo tempo, peccato per i due punti persi».

VLAHOVIC – «Nel primo tempo non abbiamo fatto bene perché non abbiamo avuto pazienza. Nel secondo tempo la squadra è venuta fuori e lui ha giocato anche meglio. C’è stata anche un’azione in cui è arrivata palla e lui ha provato ad andare di prima. Lui lì è micidiale ma deve stare più sereno».

MERCATO – «Ci pensa la società. Noi dobbiamo lavorare. Siamo partiti un filino meglio dell’anno scorso, questo è un segnale. Non guardiamo le cose negative. Miretti oggi è entrato bene, così come Rovella e Kean. Ci sono anche cose positive».

QUESTA JUVE E’ PIU’ FORTE – «Siamo in un momento in cui son fuori Chiesa, Pogba, giocatori importanti. C’è l’inserimento dei nuovi. C’è voglia di fare qualcosa di importante, rispetto alle altre siamo indietro. Per recuperare punti ci vuole pazienza e va fatto un passettino alla volta. Stiamo crescendo di condizione e ci prepareremo sabato per la sfida alla Roma».

BERNARDESCHI – «E’ stato con me diversi anni, mi ha regalato grandi soddisfazioni. Lo seguiamo e sta facendo bene. Ci sono legato affettivamente perché oltre ad essere un bravo calciatore è anche un bravo ragazzo».

OCCUPAZIONE DEGLI SPAZI NELL’AREA AVVERSARIA – «Nel primo tempo non l’abbiamo occupata bene, nel secondo meglio. Dovevamo attaccare perché loro non rompevano mai la linea. Bisogna lavorare un po’ meglio».

ZAKARIA IN PANCHINA – «No una scelta tecnica. Avevo bisogna di qualità nello stretto e Miretti ne ha di più anche se è più giovane».

Copyright © Juventus News 24 – Registro Stampa Tribunale di Torino n. 45 del 07/09/2021 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 Editore e proprietario: Sportreview S.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a Juventus Football Club S.p.A. I marchi Juventus e Juve sono di esclusiva proprietà di Juventus Football Club S.p.A.