Allegri e il calendario, la risposta perfetta a Sarri

allegri
© foto www.imagephotoagency.it

Max Allegri risponde indirettamente a Sarri in conferenza stampa pre Juve-Barça: «Che bello giocare ogni tre giorni e sul turnover…»

«Qualcuno in Lega ha sbagliato». Parola di Maurizio Sarri, che fece il suo “J’accuse” contro i criteri con cui erano stati formulati i calendari ad inizio anno. Per tre grossi motivi: le gare contro Roma, City (a Manchester) e Inter. Tutte nell’arco di nove giorni totali, una ogni tre in pratica. Un modo per penalizzare la competitività delle italiane all’estero, secondo la visione del mister partenopeo, che lamentava la possibilità di non aver tempo a sufficienza per preparare le partite. I suoi avevano alla prova dei fatti avano poi vinto contro la Roma, perso in Champions e pareggiato a reti bianche con l’Inter.

Sulla questione calendari Allegri (anch’egli impegnato ogni tre giorni) la pensa però in modo radicalmente diverso. Opportunamente stuzzicato nella conferenza stampa pre Juventus-Barcellona su cosa ne pensasse dei calendari alla luce delle «lamentele di qualche collega», Max ha preso la cosa alla leggera mettendosi a ridere. La sua Juve ha infatti giocato di domenica (non anticipando a sabato) la sfida di campionato contro la Samp e tre giorni dopo il Barça arriverà il Crotone.

«Mi viene da ridere– dice Allegri- io sono contento di giocare ogni tre giorni. Dobbiamo metterlo in conto ed è questo il bello. Siamo professionisti, se no andavo ad allenare una squadra che gioca ogni quindici giorni. Lì si che allora abbiamo tutto il tempo per allenarci. Ma io non sono uno di quelli che preferisce gli allenamenti alla partita. Anzi mi annoierei terribilmente»