Bentancur e Sturaro, la notte che non t’aspetti

bentancur
© foto www.imagephotoagency.it

Al Camp Nou in rialzo le quotazioni di Rodriguo Bentancur titolare dal primo minuto, in alternativa Stefano Sturaro: i protagonista che non ti aspetti

Arrivi alla Juve a 20 anni, devi mettere su chili, perchè la qualità c’è, ma in Europa conta anche il fisico. Molto di più che in Argentina. Rodrigo Bentancur con la cura Juve si è già irrobustito, a livello di peso. Ma per esordire con la maglia bianconera nell’inferno del Camp Nou ci vuole di più. Qualità, personalità, testa. Tutte cose che secondo Max Allegri ci sono già. Il mister sta infatti pensando di lanciare il ragazzino. E non chiamatelo battesimo di fuoco, per chi deve essere protagonista subito contro il Barça. Chissà forse è già una consacrazione.

Se non c’è lui nel 4-3-3 testato prima contro il Chievo ci sarà comunque un altro nome inatteso: Stefano Sturaro. Colui che segnò due stagioni fa nel pazzo quarto di finale contro il Bayern, colui che stupì tutti quando fu chiamato in causa fra i giganti del Real Madrid nella semifinale del 2015. Nonostante quel nome, non altisonante, uno che queste notti le ha già vissute. E’ tutta una questione di modulo. In caso di 4-3-3 in mediana ci saranno Matuidi, Pjanic e Bentancur, in avanti Douglas Costa-Higuain e Dybala. Col 4-2-3-1 sì a Sturaro invece. Nel ruolo di vice-Mandzukic esterno alto sulla sinistra. Assieme a Dybala e Douglas Costa. Davanti a far da puntero l’ex galactico Higuain. Un pizzo di Real in terra catalana.

Condividi