Bernardeschi: «Ho capito la differenza della Juve»

bernardeschi
© foto www.imagephotoagency.it

Federico Bernardeschi si racconta ai microfoni di Sky Sport: «Stare qui mi riempie di orgoglio, nel 2018 voglio alzare tanti trofei»

Il suo pensierino per il 2018 Federico Bernardeschi lo ha già espresso. «Vincere più trofei possibili». A 23 anni il fantasista ex-viola si sente pronto. Perchè dietro la scelta forte di quest’estate c’era appunto quella di vincere e vincere ancora. Coprire quella mancanza che avrebbe avuto restando a Firenze.

Così ha parlato il numero 33 bianconeri ai microfoni di Paolo Aghemo di Sky. «Il 2017 per me è stata una stagione di grande orgoglio. Quello che ho fatto mi ha permesso di arrivare alla Juventus. L’immagine più bella dell’anno? Quella di quando sono arrivato qui. C’erano tantissimi tifosi ad accogliermi. Non me l’aspettavo, mi hanno trasmesso tanto calore e gioia».

«Nel 2018 voglio conquistare più trofei possibile. Il mister mi dice di stare sereno, mi trovo molto bene sia con lui che con i compagni. Inevitabilmente parliamo della nostra città (lui di Livorno, io di Carrara). Contro la Roma abbiamo chiuso benissimo un ciclo di partite molto importanti. Contro una squadra forte che lotta per lo Scudetto».

«La Juventus vista dall’esterno mi ha sempre colpito. Per la sua mentalità e per come affrontavano qualsiasi partita. Adesso che sono qui ho capito che è tutto merito del lavoro costante che c’è dietro. C’è grande sacrificio per prima cosa e tanta voglia di arrivare. E’ la strada giusta, perchè non si vincono sei Scudetti consecutivi a caso».