BORDOCAMPO – Le esigenze di formazione e le possibili sorprese di Sarri

© foto www.imagephotoagency.it

A Leverkusen uomini contati in alcuni reparti. Sarri potrebbe optare per un paio di soluzioni che vanno controcorrente alle attese

(inviato a Leverkusen) Le sorprese di Sarri, rispetto alle scelte di formazione per il match con il Bayer Leverkusen, potrebbero essere due: Bonucci in campo, in controtendenza alle attese; Rabiot dal primo minuto e non a gara in corso. Ore di riflessione per il tecnico della Juventus, che ieri in conferenza stampa ha richiamato al grande senso di responsabilità dei suoi: «Mi aspetto una partita seria, la capacità di andare a fare una partita di altissimo livello senza un obiettivo apparentemente immediato. Dico apparentemente perché poi in realtà gli obiettivi ci sono sempre. Chiedo una prestazione, poi il risultato può venire o non venire, senza inficiarla».

Buffon tornerà in campo europeo con la maglia della Juventus, per la prima volta con Cristiano Ronaldo che l’ultima volta – a Madrid – compariva tra gli avversari. In difesa, giocasse Bonucci, Demiral e Rugani si contenderebbero l’altra maglia da titolare, con il turco favorito. Diversamente andrebbero in campo entrambi, con De Sciglio a sinistra e a destra uno tra Danilo e Cuadrado. Quest’ultimo infatti potrebbe fare anche la mezzala destra, o subito o in corsa, facendo la staffetta con Rabiot. Mentre Pjanic, che domenica con l’Udinese non ci sarà, giocherà certamente titolare insieme a Matuidi. Sicuro del posto sulla trequarti Bernardeschi, alle spalle di Cristiano Ronaldo e Higuain.